Pablo Escobar: il ritorno sul grande schermo

Il 19 aprile 2018 verrà proiettata nelle sale cinematografiche italiane il film Escobar – il fascino del male. La storia del re della cocaina, che è riuscito a realizzare un patrimonio di 30 milioni di dollari, verrà raccontata dal punto di vista della giornalista Virginia Vallejo, che dopo essere stata a lungo l’amante di Pablo Escobar, deciderà di collaborare con la giustiziaI coniugi premi Oscar Javier Bardem e Penélope Cruz presteranno il volto ai protagonisti della pellicola.

 

Pablo Escoabr: il racconto inedito della sua amante

Cosa vedremo in Escobar – il fascino del male?

Il film Escobar – il fascino del male è basato sul bestseller Loving Pablo, Hating Escobar di Virginia Vallejo (2007) in cui viene raccontata la relazione fra il boss del narcotraffico e la celebre giornalista. Escobar – Il fascino del male assume il punto di vista di Virginia Vallejo, ambiziosa giornalista decisa a conoscere di più di quello che diventerà in pochi anni il più ricco e potente trafficante di sempre. I due si innamorano e Virginia in poco tempo diventa una grande sostenitrice della carriera politica di Pablo Escobar trascurando quella criminale. Ma le ambizioni di Escobar sono più voraci delle sue e finiscono per trascinarla in un baratro da cui le tenderà la mano l’agente Neymar della DEA. La pellicola ripercorre la vita di Pablo Escobar, dall’ascesa criminale, all’inizio degli anni Ottanta fino alla sua morte nel 1993.  Verranno narrati gli anni del narcoterrorismo, la lotta contro la possibile estradizione negli USA e il rapporto travagliato con l’amante Virginia Vallejo. il regista, Fernando León de Aranoa, si concentra sulla relazione tumultuosa degli amanti, con l’intento di afferrare il profilo fuori norma del più grande narcotraffincante del XX secolo. Escobar al contrario rifiuta il ruolo di essere crudele poiché fortemente convinto di essere un eroe, la sua natura di criminale sanguinario si svelerà progressivamente e quasi involontariamente.

 


Hai già messo mi piace a TheGiornale.it?


 

Chi è Virginia Vallejo, ex amante di Pablo Escobar?

Virginia Vallejo, 68 anni, è una scrittrice e giornalista della tv Colombiana. È stata per 5 anni l’amante di Pablo Escobar. Nel 1983 Virginia e Pablo si incontrarono, entrambi trentenni, nell’Hacienda del patrón. Lei, con due divorzi alle spalle, si innamorò di Escobar per il suo coraggio e perché era alla ricerca di una vita avventurosa, non convenzionale. La Vallejo restò folgorata da Pablo Escobar perciò che faceva per i cittadini di Madellìn, “Sembrava possedere un gran cuore” dichiarò la scrittrice, aggiungendo che all’inizio della loro relazione lui non era ancora diventato un terrorista. La loro storia, ricca di passione e sfrenato lusso era allo stesso tempo segnata dalle violenze, durò dal 1983 fino al 1987. Questa relazione le costò la carriera televisiva e non solo. Virginia alla fine del loro rapporto si ritrovò con un pugno di mosche in mano. Pablo Escobar le rubò pagine di manoscritti e soldi per ostacolare la fuga dell’ambiziosa giornalista. Nel 2006, all’età di 57 anni, Virginia giunse a Miami, scortata dagli agenti della Dea che l’avevano prelevata a Bogotá. la Vallejo era decisa a voler collaborare con la giustizia per denunciare i crimini di Pablo Escobar e pronta a rivelare altre complicità governative con il narcotraffico. Nel 2007 pubblicò il libro Loving Pablo, Hating Escobar, bestseller in cui la giornalista ripercorre, alternando humour e rimpianti, la sua vita accanto ad un criminale crudele e carismatico che la colma di doni al tempo stesso la minaccia. Escobar esercitò sulla scrittrice una sottile violenza psicologica fino a renderla una complice degli inconfessabili intrecci tra politica e criminalità. Loving Pablo, Hating Escobar è una testimonianza sullo sfrenato consumo di denaro, potere e cocaina.

 

La pellicola, che verrà distribuita nelle sale italiane il 19 aprile 2018, racconta la testimonianza di una donna intrepida che ha subito il fascino perverso del male. 

 


Se sei appassionato di cinema? Potrebbe interessarti: Oscar 2018: i vincitori delle statuette d’oro


 

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Marzia Marchese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *