5 buoni motivi per essere fashion e scuse pratiche.

Come ogni mattina in cui il dubbio esistenziale del ”cosa mi metto?” si palesa davanti all’armadio , io vorrei presentarmi con una guida fashion alle scuse pratiche e ai buoni motivi per fare tendenza.

Infatti ormai quello dell’essere alla moda e al passo con i tempi è un argomento di cui si è abusato , parlato e parlato. Ma perché non prendere in modo ironico questo mondo?  ammettiamolo tutti, nel bene o nel male, ci siamo immersi fino al collo e da qui non si scappa.

Le scuse pratiche (oltre ai consigli).

I tempi del ”L’abito non fa il monaco” sono finiti, nessuno ci crede più (o quasi), quindi rimboccatevi le maniche della vostra camicia migliore e leggete i 5 buoni motivi per essere fashion.

 

fashion

Ecco allora qui la lista da seguire per essere fashion:

1- Il primo buon motivo per essere al passo con i tempi: sicuramente in una giornata grigia e storta l’outfit che avrai deciso di mettere su, con cura stamattina, ti porterà complimenti e apprezzamenti che di certo faranno spuntare un sorriso contornato da quell’ inutile rossetto mat che hai acquistato sull’onda dell’emozione. Essere sempre sul pezzo in campo stilistico aiuta ed è un ottimo anti depressivo palesemente meno caro di uno psicologo.

2- Diciamocelo per essere fashion la postilla in fondo al contratto è quella di accettare lo shopping come il tuo pensiero fisso e il tuo sport preferito. D’altronde ogni volta che acquisterai quel paio di scarpe favoloso che si abbina tanto bene con la tua borsa preferita, aiuterai l’economia del tuo paese e i commessi, tuoi migliori consiglieri e alleati nella lotta contro il cattivo gusto.

 


Hai già messo mi piace a TheGiornale.it?


 

3- Vestirsi bene ti permette di toglierti dall’impaccio di non saper cosa dire. L’argomento migliore è proprio lì nella tasca dei jeans nuovi del tuo collega con cui non sai proprio che argomento affrontare. In più puoi sfoderare la tua enciclopedia di termini fashionisti e sfoggiare l’erudito che è in te nascosto dai tempi del liceo.

4 – Il paradosso del “non so cosa mettere”, nonostante l’armadio stracolmo,  sarà la migliore attenuate per gli shopaholic che ancora una volta non potranno rinunciare ad acquistare quel maglioncino che canta come una sirena ammaliatrice.

5 – Last but not the least il vantaggio di poter sfoggiare quel poco che ti rimane di modestia e poter rispondere ad ogni commento con un semplice e pragmatico ”Oh, ho messo le prime cose che ho trovato”. Nessuno potrebbe immaginare invece, che al mattino hai perso 45 minuti davanti all’armadio in ginocchio chiedendoti perché hai così tanta roba, ma allo stesso tempo così poca da non riuscire a decidere che indossare, rimpiangendo di non essere Chiara Ferragni e avere qualcuno addetto ad appoggiarti l’outfit sul letto.

I sensi di colpa sono finiti.

Con questi consigli i sensi di colpa che ogni tanto bussano sulle tue spalle non avranno più ragione di esistere. Sarai libero di correre per le vie della moda e di smentire chiunque ti dica che il libro si giudica dalla copertina, perché sì,  non compreresti mai un romanzo che non si fa notare in mezzo al gruppo.

Ci sono comunque alcuni pezzi intramontabili che sembra non vogliano proprio passare di moda; un esempio è quello dei body ecco qualche consiglio per l’uso.

 

Commenta questo post

Margherita Tolosa

Sto frequentando Comunicazione, ICT e media a Torino.Cacciatrice di cose belle, appassionata di shopping e pioniere della parte stravagante. Se vuoi vedere le mie foto cercami su Instagram come: ceunfottutoutenteconquestonome

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This