Cosa vedere a Barcellona in un giorno

Come dice una canzone a me molto cara, voglio iniziare così questo mio tour in terra spagnola: “te quiero Barcelona”. Non so più dire quante volte io sia stata in questa meravigliosa città, ma sono convinta che chiunque, almeno una volta nella vita, debba poter darle una possibilità per essere scoperta. Per questo motivo oggi vi porterò in un viaggio virtuale, per scoprire cosa vedere a Barcellona in un giorno.

Cosa visitare a Barcellona in un giorno

Cosa visitare a Barcellona in un giorno

Non sempre si hanno a disposizione più giorni per poter visitare una città e mi capita sovente, di cercare qualche mini tour che possano aiutarmi a scoprire le bellezze che la caratterizzano. Per una città come Barcellona, non vi basterà un giorno per amarla incondizionatamente ma, con qualche piccolo consiglio, da chi come me ha avuto la fortuna di visitarla almeno una decina di volte, avrete modo di apprezzarla a dovere.

Lasciatevi ispirare e partite con me in un viaggio virtuale, dove vi racconterò cosa fare a Barcellona in un giorno, scoprendo l’arte, la natura e le prelibatezze culinarie che vi lasceranno la curiosità e la voglia di programmare una giornata da sogno nella città di Gaudì.


Leggi anche: Dove trascorrere un weekend romantico


  • La mattina presto a Barcellona

La vostra sveglia dovrà suonare molto presto, per non rischiare di perdere tempo prezioso da dedicare alla visita di Barcellona. Indossate le vostre scarpe più comode e portate con voi una borraccia d’acqua: la prima tappa della nostra giornata sarà un po’ faticosa, ma ne varrà la pena. Per assaporare a pieno la magia di questo luogo è necessario vivere tutto ciò che gli fa da contorno.

La nostra prima tappa sarà il Parco Güell, progettato da Gaudì ed inaugurato agli inizi del 1900. Per raggiungere la cima della collina, dove si trova uno dei parchi più originali di tutto il mondo, vi consiglio di intraprendere la salita a piedi, addentrandovi nelle stradine e assaporando la cultura catalana. Un pezzo di strada faticosa, a volta reso semplice da delle scale mobili che agevoleranno la vostra salita, ma che vi farà vivere a pieno la magia del parco, una volta arrivati in cima.

Ci sono diverse entrate per accedere al Parco Güell, ma quella più famosa e più frequentata dai turisti provenienti da tutto il mondo, è sicuramente quella principale, che vi catapulterà nel mondo stravagante e colorato dei mosaici di Gaudì. Un turbine di colori accesi e di forme particolarmente affascinanti: a darvi il benvenuto sarà la salamandra posta al centro delle grandi scalinate che vi condurranno all’interno del parco.

Tanti anni fa, durante le mie prime visite a Barcellona, il Parco Güell era totalmente gratuito e per questo motivo ho avuto il piacere e la fortuna di godermi ogni minimo dettaglio, trascorrendo interi pomeriggi sulla grande terrazza. Dal 2013 l’ingresso alla zona monumentale è diventata a pagamento, limitandone così l’accesso. Vi consiglio di investire questi 8 euro, così da ammirare la bellezza di questo luogo e il panorama di una Barcellona vista dall’alto che vi lascerà un ricordo indelebile nella memoria.


Hai già letto: i 10 posti meravigliosi del mondo?


  • La tarda mattinata a Barcellona

Una volta lasciato il Parco Güell ci spostiamo di zona, dirigendoci nella zona centrale di Barcellona. La vostra fermata della metro sarà La Rambla, partendo per un viaggio all’interno dei quartieri più famosi di Barcellona ed arrivando, come meta finale, al monumento più visitato della città: la Sagrada Familia.

Una volta approdati sulla Rambla, entrerete in uno dei quartieri più frequentati della città, dove negozi e bancarelle colorano questo lungo corso che vi condurrà direttamente in Plaça de Catalunya. Il mio consiglio è di tralasciare il percorso della Rambla e di addentravi, in primis, nel Barri Gòtic, uno dei miei quartieri preferiti.

Non avrete bisogno di una mappa per visitare questo quartiere: ogni angolo è degno di essere visto. La Cattedrale della Santa Croce e Sant’Eulalia è una delle mete che non dovranno mancare dal vostro tour. Lasciatevi incantare dall’interno di questa chiesa e dalla facciata tipica dello stile gotico: non dimenticatevi di salire in cima alla cattedrale, dove potrete ammirare una Barcellona vista dall’alto circondata dal mare.

La Cattedrale della Santa Croce e Sant'Eulalia a Barcellona

Un altro luogo che non dovrà mancare, durante la vostra passeggiata tra le meraviglie gotiche che caratterizzano questo quartiere, è Piazza San Filippo Neri, una piccola piazzetta nascosta tra le stradine, che ha qualcosa di talmente affascinante da essermi entrata dentro fin dalla prima volta in cui ci ho messo piede. Tra i particolari che ricordo con un pizzico di nostalgia, sono i muri della piccola chiesa che si affaccia sulla piazza dove sono ancora visibili i segni della guerra civile spagnola e la piccola fontana al centro, che potrete ricordare tutti in un lontano video degli Evanescence.

Altri spunti su cosa fare a Barcellona in un giorno

  • Pranzo a Barcellona

Per non perdere tempo prezioso dedicato al tour , vi consiglio di pranzare in uno dei luoghi più caratteristici della città e che, indubbiamente, soddisferà ogni tipo di palato: il mercato coperto della Boqueria. Un luogo dai profumi inconfondibili e dai colori più stravaganti, dove potrete trovare, tra le tantissime proposte, il famoso prosciutto iberico, le empanadas, i coni di pesce fritto ed i bicchieri colmi di frutta.

La Boqueria a Barcellona

Sarà un’esperienza unica nel suo genere, che vi farà assaporare un po’ della cultura culinaria catalana. Ricordatevi di non rinunciare al dolce e lasciate un piccolo spazio per la specialità tipica di questa zona della Spagna: la crema catalana. Nelle pasticcerie vicino all’entrata della Boqueria, troverete con facilità chi vi caramellizzerà la famosissima crema in diretta.


Potrebbe interessarti anche: Le più belle 10 città europee da visitare


  • Pomeriggio a Barcellona

Continuiamo la nostra passeggiata e rimettetevi dentro la Rambla, giungendo così ad una delle piazze più conosciute e più grandi della città di Barcellona: Plaça de Catalunya. Un trionfo di palazzi, negozi e centri commerciali, che metteranno l’acquolina in bocca a tutti gli appassionati di shopping. Ma il nostro viaggio continua e ci lasciamo alle spalle la grande piazza per addentrarci in un’altro dei corsi più affascinanti di Barcellona: Passeig de Gràcia.

Questo è uno dei quartieri più ricchi di Barcellona, dove i grandi marchi dell’alta moda sfoggiano le loro invidiabili vetrine. Ma in questo lungo corso non troverete solo negozi, ma anche due delle attrazioni più visitate di tutta la città: Casa Batlló e Casa Milà (detta anche La Pedrera) di Gaudì. Servono un bel po’ di soldini per poterle visitarle all’interno, ma vi assicuro che ne varrà la pena.

A conclusione della nostra lunga passeggiata, non può mancare, come degna chiusura di giornata, la Sagrada Familia: una costruzione maestosa iniziata da Gaudì quando era ancora in vita e non ancora terminata. Lasciatevi due orette libere per la visita guidata dell’interno, così da scoprirne la bellezza e la storia.

Dove guardare il tramonto a Barcellona?

La giornata è quasi giunta al termine ed il sole sta piano piano scomparendo, per lasciare spazio alla notte di Barcellona. Per concedervi un po’ di meritato relax, dopo le lunghe camminate, vi consiglio di munirvi di telo mare per raggiungere Barceloneta. infinite spiagge di sabbia dorata, contornate da un lungo mare di palme e locali, dove assaporare una birra Estrella ghiacciata.

La spiaggia di Barceloneta

Hai messo mi piace a TheGiornale?


Il nostro tour di cosa vedere in un giorno a Barcellona termina così, con il profumo di mare ed il ricordo di una città che in tutte le stagioni è sempre un piacere visitare, grazie al clima che regala giornate di sole caldo anche nei mesi più freddi dell’anno. Vi lascio con la canzone da cui tutto è iniziato e con la speranza che tutti voi, un giorno, possiate amare come me la città di Barcellona.

Buon viaggio!

Commenta questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This