17 Luglio 2024 15:56
LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it

La tua buona notte

Scriverò per te, chissà quante volte ancora, una buona notte che sia solo tua. La tua buona notte, quella che ti leggerò prima che il mio petto possa farti da cuscino.

Una buona notte che faccia addormentare i brutti pensieri che ti aveva raccontato il destino. Quello stupido, continuava a credere che sarebbe stato tutto un casino. E la scriverò ogni notte diversa, come una favola da recitarti per farti stare tranquilla.

Lo farò per te, che forse ancora non lo sai. Te, che quanti sogni racconti ai miei guai?

Così scrivendo riuscirò a riempire gli spazi vuoti nel tuo cuore. Leggendo per te ogni mio dolore, arrivando a farti capire che ti puoi fidare. Coccolandoti, quando ferma non sai stare.

Cercherò di spiegarti perché le tue labbra mi mettono sempre voglia di baciare. Troverò il modo per dirti che la tua buona notte ti appartiene come le nuove al cielo. E ti nasconderò gli occhi tra le mie mani, ti chiederò, “rimani?”.

Ma tu sarai già lì, persa tra le mie parole. Ed io avrò dipinto per te nuove strade, con il mio scudo ti avrò protetta chissà da quante spade e con la mia voce ti avrò fatto sentire che non servo tante parole.

Basta un po’ d’amore. Resta sempre un po’ di coraggio quando si smette di pensare. Ci voleva noi, per arrivare a non pensare al poi.

Sarò la notte che riuscirai a dormire. Sarai la mia notte da venire, a prendere e stringere per non morire. La notte in cui avrai voglia di urlare ed io sarò lì ad ascoltare.

Perché la tua buona notte sarà fatta di tutto questo. Di un sogno che finisce troppo presto, del freddo che ci avvicina, usato come pretesto.

Tu, la notte buona, quella che avrò scelto come la mia buona notte.

 

LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it - La tua buona notte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *