Gite da fare in montagna in Piemonte: luoghi da non perdere

Si sta avvicinando la bella stagione, perché non iniziare a programmare alcune gite in montagna in Piemonte? Ecco alcune delle passeggiate imperdibili.

Rifugio Pastore - TheGiornale

Gite da fare in montagna in Piemonte: provincia di Torino

Rifugio Geat Val Gravio

Il Rifugio Geat Val Gravio, è un rifugio della bassa Val di Susa, sito nell’omonimo Vallone del Gravio.
Il rifugio si trova a 1390 m d’altitudine e dispone di 32 posti letto nei mesi caldi e 10 nel periodo invernale. Il rifugio è, infatti, aperto tutto l’anno nei fine settimana da gennaio a dicembre, con apertura continuativa nei mesi di luglio e agosto. In settimana è aperto per gruppi organizzati su prenotazione.


Leggi anche: I musei dogfriendly di Torino


E’ possibile recarsi al Gravio anche solo per una passeggiata tranquilla in giornata, scegliendo di fare il picnic all’ombra degli alberi oppure prenotando un posto ai tavoli del rifugio.
Le loro proposte sono quelle della tradizione piemontese

  • Salumi
  • Antipasti piemontesi
  • Polenta concia, con salsiccia o funghi
  • Torte fatte in casa

Ci sono valide alternative anche per i vegetariani.
Il parcheggio è un po’ complicato, dovrete parcheggiare sul ciglio della strada.
In compenso, la passeggiata è molto tranquilla di circa un’oretta, sale un pochino all’inizio, ma è alla portata di tutti ed è assolutamente adatta a bambini e agli amici a 4 zampe.

Rifugio Geat - TheGiornale

Goja del Pis

La Goja del Pis, Almese (TO), è un un sito naturalistico dove potrete passare una tranquilla giornata. Il salto del Pis è parte del fiume Messa e si trova in una conca dal diametro di 30 m originatasi con il passare dei secoli.

Una volta arrivati nell’Area Mecatale di Almese, potrete lasciare la macchina nel parcheggio gratuito e proseguire a piedi verso la cascata.
La passeggiata durerà circa 50 minuti.
C’è un comodo sentiero, ma l’ultima parte si articola su rocce rese scivolose dall’acqua, pertanto, si consiglia in primis un abbigliamento adatto con scarponcini o scarpe da montagna e molta attenzione.
La Goja del Pis è una gita da fare assolutamente, ma attenzione perché la pensano tutti così e in alcuni momenti è davvero affollata.
Il consiglio è di evitare i momenti di maggior affluenza, come, ad esempio, i weekend.
Essendo una conca, non c’è molto spazio, quindi non troverete tavoli per il picnic né tanto meno rifugi.

Gite da fare in montagna in Piemonte: provincia di Cuneo

Punta Marguareis: Rifugio Don Barbera

Punta Marguareis è la più alta punta delle Alpi liguri e si trova in provincia di Cuneo. Costituisce, infatti, il confine italo-francese.

Per raggiungere il rifugio Don Barbera ci sono due vie: la strada e il sentiero.
La strada larga e sterrata, è più lunga ma molto più tranquilla come pendenza. Dovrete fare i conti con le macchine che passano, non sono molte, ma se le incontrate non è piacevole, poiché se per i pedoni la strada è larga, da percorrere in auto può risultare un po strettina.
Il sentiero è la via preferibile, circa 2,30 ore di cammino, in salita e quasi tutto sotto il sole, ma sicuramente molto più sicuro e più da montagna.
Il rifugio Don Barbera è recente, quindi dotato di diversi comfort se paragonato ad altri rifugi.
Per questa gita in montagna, è consigliabile dormire in rifugio almeno una notte, questo vi permetterà di conoscere la zona e magari avvistare qualche animale.

Rifugio Emilio Questa

Sempre nella provincia di Cuneo si trova il rifugio Emilio Questa, situato presso il lago delle Portette e all’interno del Parco naturale delle Alpi Marittime.
Anche in questo luogo potrete avvistare animali quali camosci, stambecchi e se siete fortunati il gipeto.
I posti letti sono suddivisi in camerate da 6, 10 o 14 posti, ma potrete decidere anche solo di recarvi al rifugio per un pranzo per gustare piatti tipici della tradizione piemontese.


Sei di Torino? Scopri il Browser game torinese: Virus+


Il rifugio è aperto da giugno a settembre, sono circa 3 ore di cammino lungo una mulattiera che diventa poi un sentiero piuttosto ripido.
Con bambini piccoli o poco allenamento, ci si può fermare al rifugio Valasco, dopo circa 1 ora di cammino. Potrete decidere di fermarvi o proseguire poi verso il Questa.

Gite da fare in montagna in Piemonte: provincia di Verbania

Rifugio Crampiolo Alpe Devero

L’Alpe Devero è una conca situata nella Valle Devero in provincia di Verbania.
Dalla distesa erbosa, circondata da boschi si sale verso Alpe Crampiolo, dove troverete numerosi luoghi di ristoro. Potrete decidere di fermarvi in uno dei diversi ristoranti oppure optare per un picnic.
La passeggiata per raggiungere Crampiolo è semplice, anche se un po’ ripida in alcuni punti, ma tutti possono farla. Il sentiero è molto largo ed è più simile a una strada sterrata che a un vero sentiero di montagna.
In circa 50 minuti potrete arrivare a destinazione e decidere se fermarvi o proseguire verso il Lago delle Streghe o il lago Devero.
Il primo è facilmente raggiungibile in 10 minuti di cammino, su un sentierino molto semplice; il secondo è un po’ più faticoso a causa della pendenza del sentiero, ma è comunque un percorso breve, circa 20/30 minuti.

Verso fine settembre si festeggia il Bettelmatt, formaggio tipico di questa zona. Questo è sicuramente uno dei momenti più suggestivi per scegliere questa passeggiata, tenete sempre conto dell’affluenza maggiore di persone.

Rifugio Zamboni-Zappa

Un’altra imperdibile tra le gite da fare in montagna in Piemonte, è sicuramente la passeggiata al rifugio Zamboni, specialmente per la peculiarità del lago effimero.
Questa è una passeggiata impegnativa, il sentiero non è regolare, si cammina spesso su roccia.
Il rifugio è raggiungibile in circa 1 ora di camminata. Qui potrete mangiare la polenta concia oppure stendervi vicino al fiume, al sole, a mangiare un panino.


Hai già messo mi piace a TheGiornale?


Se invece volete proseguire verso il lago effimero, sarà molto più faticoso. Il percorso è interamente su roccia, in alcuni tratti difficoltoso anche per un adulto, quindi lo sconsiglio per i bambini a meno che non teniate in conto, ogni tanto, di aiutarli alzandoli. Impiegherete circa 20 minuti.
Il panorama che vedrete da lassù però è eccezionale, uno dei miei preferiti.

Rifugio zamboni - TheGiornale

Gite da fare in montagna in Piemonte: Alagna Valsesia

Rifugio Pastore

Il rifugio Pastore si trova nel Parco Naturale Alta Valsesia, a 1575 m di altezza.
Incorniciato dal Monte Rosa, giace su un bellissimo piano erboso denominato Alpe Pile.

Una volta parcheggiata la vostra auto in un comodo parcheggio, potrete da qui iniziare la vostra passeggiata lungo un sentiero ampio e cementato che passerà ad essere un tipico sentiero di montagna dopo circa 20 minuti di cammino. Un sentiero immerso nel verde e nella natura.
Lungo la strada potrete incontrare pecore e caprette, ma soprattutto cascate e.. marmitte dei giganti! Le marmitte dei giganti sono delle depressioni a forma di pozzo nelle rocce che rendono il panorama imperdibile.

Leggi anche: Posti da fotografare in Piemonte

Nel complesso la passeggiata dura circa 1 ora e non è difficile, accessibile a tutti anche se un po’ ripida nel suo ultimo pezzo.
Arrivati in cima potrete mangiare all’interno del rifugio Pastore, prezzi un po’ sopra alla media, ma il cibo merita moltissimo. Oppure potrete optare per il solito picnic. E’ una zona in cui fa piuttosto freddo se c’è vento, quindi se progettate un picnic, tenete conto che potreste dover cambiare idea per cercare riparo al caldo.

Cascata dell'acqua bianca - TheGiornale

Rifugio Zar Senni

Il rifugio Zar Senni si trova in Val d’Otro, si parte da Alagna e si prosegue per circa 582 m di dislivello.
La caratteristica di questa zona sono le case in stile Walser che testimoniano tale colonizzazione.
Il percorso per giungere al rifugio è di due ore, ma è anch’essa una facile passeggiata da fare con i bambini.
Inoltre, potrete raggiungere il rifugio anche in bicicletta.


Usi Telegram? Unisciti a TheGiornale


Questi sono solo alcuni esempi di gite in montagna da fare in Piemonte. Abbiamo cercato di darvi una panoramica generale, inserendo due rifugi e/o escursioni per zone più gettonate per quanto riguarda la montagna.
Avete già preso carta e penna per organizzare il vostro itinerario? Fateci sapere le vostre scelte.

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Elisa Rendinella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *