LA BUONANOTTE di Rab – Perdo la testa

Perdo la testa 

Sai, perdo la testa non lo sai. 

Sei dentro, come il male che mi fai. Come le unghie nella schiena mentre ci sei, quando fai l’amore e curi tutti i miei guai. 

Perdo la testa senza poi, farmi trovare dalle tue paure. Senza fare a pugni con i miei timori, perdo i sensi, lascio il mondo fuori. 

Perdo anche i colori. 

Coriandoli nei corridoi, su di me, gli occhi tuoi. 

Perdo la testa, come le nostre mani ad un concerto, ad una festa. C’ho un casino dentro, metti in disordine, resta.

Ci perdo il cuore, se lo trovi mettici dentro un po’ d’amore. Se lo trovi salutamelo, che è da un po’ che non ci vediamo, io e lui.

Mi perdo, nei miei monti bui.

Che poi, sai, sono anche i tuoi.

Se sorridi, poi, ci perdo l’anima, fammi quello che vuoi.

Ci lascio anche le ossa, resti dentro, farfalla nell’intestino, incastrata nel mio lampadario, che sbatte forte, che non la smette.

Come il battito dentro le vene, come il sangue che continua ad uscire, come la tua bocca da baciare.

Ci perdo, sempre e comunque.

Sdraiato a terra, il pavimento freddo sulla testa, tu baciami. Resta.

LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it - Perdo la testa

Hai voglia di andare a dormire con una nuova buona notte? Segui TheGiornale



Commenta questo post

Autore dell'articolo: Rab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *