Lorenzo Jovanotti: 51 e non sentirli

Jovanotti torna negli stadi. Il tour “Fantasico 2018” sta infiammando gli animi di numerosi spettatori, riuniti intorno al palco di uno dei fuoriclasse della musica italiana. Saranno, fino a giugno, quattro mesi di concerti che, città dopo città, faranno ballare tutta Italia a ritmo dei pezzi del nuovo album di Jovanotti che uscirà entro fine anno.

jovanotti

L’hanno chiamato il Jovanotti Day

Dopo Milano che con febbraio ha aperto le danze al Jovanotti tour, Torino si è aggiudicata le prime date di aprile. Per quanto il clima non sia stato del tutto favorevole, pioggia e intemperie non hanno fermato i fan di Jovanotti che, muniti di tende, asciugamani e coperte sono riusciti a mantenersi all’asciutto. C’è da dire che Jovanotti da sempre riesce a parlare una lingua senza età, motivo per cui presenti al concerto sono state tre generazioni di sognatori. Lorenzo Cherubini, infatti abbraccia giovanissimi fino ai 18 ma anche un target anni 90 cresciuto sulle sue strofe molto probabilmente insegnate dagli stessi genitori. Lui stesso non è più un ‘giovanotto’; Lorenzo infatti ha superato (anche se da poco) la soglia dei 50 anni.

 


Hai già messo mi piace a TheGiornale.it?


 

Un uomo che però mantiene l’anima da ragazzino, la forma fisica di chi infiamma il palco come fosse il primo giorno e balla senza freno mentre la folla si infiamma delle sue note. Jovanotti a Torino ne sta dando prova in queste serate: la musica non ha età e sembra neanche lui.  Vogliamo ricordare adesso una delle più ascoltate e richieste canzoni che Jovanotti interpreta magistralmente durante il tour: “Le canzoni”.

Testo di “Le canzoni”

[st.1]

Sorridendo ti verrà da piangere
A pensare a quante volte nei momenti d’oro
Stavi pensando ad altro
In un altro luogo
Con un altro tempo
Proprio ora che ti sto guardando
Dentro a questo angolo
Di questo mondo
Dove le canzoni sono spiriti
Come da ragazzi siamo stupidi
E ci piacciono le cose sbagliate
Che poi forse sono quelle giuste
E nuotiamo controcorrente
E prendiamo decisioni assurde
Ma più ci rifletti e più fai errori
È l’istinto il braccio che ti tira fuori
Dalle sabbie mobili che trascinano giù
Hai ragione tu.

[rit.1]

La canzoni non devono essere belle
Devono essere stelle
Illuminare la notte
Far ballare la gente
Ognuno come gli pare
Ognuno come si sente

Come fosse per sempre
La mia voce mi esce fuori da dentro
Da una zona che è fuori controllo.

 

Jovanotti

 

[st.2]

Gonfia i polmoni
Passa dal collo
E poi esce e non torna più indietro
Pensavamo bastasse rompere un vetro
Che ci divide dal resto del mondo
Per essere liberi in fondo
È una superficie sulla superficie
Si può leggere il senso profondo
Nella leggerezza di una canzone
Nel flash che becca l’espressione
Siamo tutti diversi, tutti dispersi
Sempre sull’orlo di una rivoluzione
Guardare il mondo come un’autopsia
Uscire la fantasia
E piangendo ci verrà da ridere
Come marinai di una canzone celebre
Il mio modo stilato di procedere
Verso un mondo di persone libere

[rit.2]
La canzoni non devono essere belle
Devono essere stelle
Illuminare la notte
Far ballare la gente
Ognuno come gli pare
Ognuno come si sente

 


Hai gia sentito la nuova canzone di Laura Pausini?


 

[st.3]

L’anima è pesante
Da portare addosso da soli
Prendine un po’ della mia
Dammene un po’ della tua
E abbracciami forte
Ancora più forte
Come fosse per sempre

[rit.3]

La canzoni non devono essere belle
Devono essere stelle
Illuminare la notte
Far ballare la gente
Ognuno come gli pare
Ognuno come si sente

Per sempre.

Jovanotti

Jovanotti: la bella musica non si ferma.

Con questo che è uno dei brani più recenti del cantautore italiano, salutiamo Jovanotti compositore di sogni musicali: le sue strofe entrano in testa per essere canticchiato giornalmente da un pubblico di ogni età. Dopo le cinque date torinesi, il tour ha ancora numerosi palazzetti dove portare la festa.

Perché Jovanotti resta poesia per grandi e piccini, si conferma ninna nanna per bambini nella culla ma anche canzoni gridate a squarciagola in macchina con gli amici. Jovanotti è un pò dentro ognuno di noi, e ci rimane.

 


Se non volete perdervi le novità e gli eventi di Torino, seguiteci sulla rubrica TheTorino.

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Federica Testa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *