23 Luglio 2024 19:35
Tour Eiffel - TheGiornale.it

Parigi è una città magica, ricca di arte e paesaggi romantici: è la meta ideale per coppie che vogliono trascorrere un weekend all’insegna dell’amore.

Oggi vi voglio consigliare un possibile tour di 3 giorni, andando alla scoperta di musei, chiese e quartieri che vi faranno innamorare di questa città incantevole.

GIORNO 1

Il primo giorno lo vogliamo dedicare al simbolo di Parigi, la Tour Eiffel; salite all’ultimo piano della torre e godetevi il paesaggio della città dall’alto. Copritevi bene, perché a quell’altezza soffia un vento fortissimo! Da qui possiamo spostarci agli Champs Elysées e, se volete, potete salire anche sull’Arc de Trionphe o se preferite, potete godervi i negozi di lusso e non del famoso corso: dal palazzo dedicato a Louis Vuitton, alla mega gelateria di Haagen-Dazs, dove potrete gustare una mini coppetta gelato a “soli” 5 euro.

 

Champs Elysées - Parigi

 

Se volete continuare con lo shopping, recatevi alla Galeries Lafayette, il maestoso centro dedicato ai marchi più alla moda del mondo. Vi perderete tra i diversi piani e vi rifarete gli occhi guardando capi inavvicinabili.

L’ultima tappa della giornata è il Louvre: il museo labirinto, ricco di arte e di magia. Perdersi tra le varie sale sarà facile: vi sembrerà di essere i protagonisti del Codice Davinci di Dan Brown. Vederlo tutto sarà impossibile, quindi scegliete le sale che più vi interessano e dedicateci il tempo che avete a disposizione. Rimarrete incantati dal sorriso enigmatico della Gioconda di Leonardo da Vinci e dalla bellezza della Venere di Milo.

 

Louvre - Parigi

 

Consigli Utili: il mercoledì e il venerdì il museo è aperto fino alle 21:45, approfittate della visita serale se avete pochi giorni a disposizione per visitare la città.

Dopo aver scattato la foto di rito con lo sfondo della piramide, tornate al vostro hotel e rimettetevi in forze per il giorno seguente.

GIORNO 2

Dopo aver fatto una colazione abbondante in qualche Boulangerie della zona, recatevi al Centre Pompidou, il Museo Nazionale d’Arte Moderna. Matisse, Kandinsky, Dalì, Andy Warhol, sono solo alcuni dei più famosi artisti che troverete in questo museo. Finita la visita, andate alla scoperta della zona circostante, ricca di negozi di souvenir e di locali dove gustare qualche piatto tipico.

La visita della città continua, spostandoci di zona e andando a Montmartre. La Basilica del Sacro Cuore vi apparirà davanti agli occhi, bianca e luminosa, che domina la collina parigina. Dalla Basilica riuscirete anche a godervi il paesaggio di Parigi e, dopo esservi riposati seduti sulle scalinate, potrete continuare il tour per le vie limitrofe, entrando in qualche patisserie a gustare macaron home made.

 

Sacro Cuore - Parigi

 

Finito il giro della parte alta, scendete giù e addentratevi nella zona del Moulin Rouge, il quartiere a luci rosse e di ballerine di can can. Fatta la foto di rito con dietro i famosi mulini, potete rimettervi in cammino per una nuova tappa.

GIORNO 3

L’ultima mattinata a disposizione la dedichiamo ad uno dei musei più belli di Parigi: il Musée d’Orsay. Se siete amanti dell’arte impressionista sarà facile perdersi tra Van Gogh e Monet. Non dimenticatevi di andare all’ultimo piano dove c’è l’orologio: vi imbatterete in un’atmosfera magica e rilassante.

 

Orologio Orsay - Parigi

 

Consigli Utili: per evitare le lunghissime code che si creano già più di un’ora prima dell’apertura, acquistate il biglietto on-line.

Ora recatevi alla Cathédrale de Notre-Dame de Paris e fate il biglietto per le torri: sono 422 gradini che vi condurranno sulla cima della cattedrale, dove potrete ammirare da vicino gli inquietanti gargoyle e la famosa campana suonata dal Gobbo nel romanzo scritto da Victor Hugo.

 

Notre Dame - Parigi

 

Finita la visita, fate un giro per il quartiere latino, pieno di ristoranti e locali da leccarsi baffi.

Per concludere il nostro viaggio, vi consiglio una gita sul Bateaux Mouches, dove potrete rilassarvi e godervi il paesaggio della città che si affaccia sulla Senna.

Se vi rimane qualche buco nella giornata e siete dei fan sfegatati della musica rock anni ’60, andate a fare visita a Jim Morrison a Pere Lachaise, il cimitero principale di Parigi. Trovare la sistemazione di Jim non è cosa facile, ma seguendo la massa di gente la troverete.

Consiglio SUPER utile: Per gli under 26 residenti nell’Unione Europea, l’entrata alla maggior parte dei musei e delle chiese di Parigi è GRATIS. Quindi approfittatene, perché una volta superata l’età dovrete pagare le tariffe intere per niente economiche!

Buon Viaggio!

Se vi interessa un altro tour scritto su misura per voi, leggete l’articolo di Firenze in 48 ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *