16 Luglio 2024 21:31
Acquolina - TheGiornale

Ristorante l’Acquolina: questa settimana facciamo un salto in Liguria alla scoperta di un locale che abbraccia la filosofia di cucina siciliana, accostata delicatamente al territorio ligure.

Acquolina - TheGiornale
Interno del locale Acquolina ad Ospedaletti

All’Acquoilina di Ospedaletti potrete gustare pietanze di primissima qualità.

Siamo all’Acquolina, in Piazza San Giovanni 7 ad Ospedaletti. Il locale sotto i portici si affaccia su una raccolta piazzetta di tavolini ben apparecchiati e l’atmosfera che ci attornia è senza dubbio suggestiva già all’esterno. Immaginiamo una serata tipica al mare, il caldo che finalmente ci da tregua e una lieve brezza che ci accarezza mentre procediamo verso l’ingresso del locale. Una volta entrati la prima impressione è quella di una sala molto curata ed elegante, i colori tenui e la musica di sottofondo instaurano nel cliente che ci si reca, una sensazione di puro relax e di serenità.

Guardandoci per un momento intorno possiamo scorgere nelle salette diversi tappeti, lampade particolari, candele e soprattutto un componimento di colli di bottiglia incastonati su di un pannello bianco. Questo crea un singolare contrasto rispetto al resto della sala, diventando un vero e proprio prodotto artistico che porta la firma della titolare Tiziana Caravotta. Il suo occhio femminile si sente in tutto: dall’arredamento alla filosofia di cucina che, siamo sicuri, vi lascerà senza fiato.

Acquolina - TheGiornale
quadro colli di bottiglia

Il menù dell’Acquolina abbraccia la Sicilia e porta in tavola sapori eccezionali.

La cordiale Tiziana mette il cliente subito a proprio agio guidandolo attraverso un percorso di sapori che lei stessa, nel vero senso della parola, porta dalla sua terra. Sì perché la titolare, spostandosi al nord, non si è limitata agli alimenti “made in Sicily“, ma ha portato con sé lo stesso chef Davide La Rosa, di soli 25 anni (26 tra poco). Questo ragazzo dimostra un grande talento in cucina. Lui, il grande valore aggiunto del locale, propone accostamenti ricercati che valorizzano appieno le pietanze.

I gusti si alternano nel piatto tra sapori forti siciliani che allo stesso tempo mantengono un equilibrio speciale per non diventare mai invadenti in bocca.

Il menù all’Acquolina varia durante le settimane ma, come dice la stessa Tiziana, alcuni piatti a lei cari resteranno sempre, in modo da non perdere mai quella vena saporita propria della sua terra.

Noi abbiamo provato alcuni piatti sensazionali che a giorni di distanza ci fanno venire, tanto per restare in tema, ancora l’Acquolina in bocca!

Ma la nostra volontà non è quella di guastarvi la sorpresa.

Per questo motivo ci limiteremo a parlarvi di due piatti che speriamo vi incuriosiscano al punto da farvi desiderare il teletrasporto per correre lì.

Acquolina - TheGiornale

Acquolina - TheGiornale

Croccantezza e morbidezza sono le principali sensazioni che caratterizzano il secondo da noi provato: l’Ombrina, decorata con saltuarie goccioline di pesto, paté di pomodorini secchi e verdure.

Per chiudere in bellezza la cena non fatevi scappare il dolce sopracitato che, oltre ad essere molto coreografico, è una gioia per il palato. Si tratta di una coppa contenente diversi piani di bontà. Due cialde al miele si adagiano sulla mousse al cioccolato bianco che a sua volta troneggia sopra una crema di frutti di bosco. Al fondo, nella parte concava del bicchiere, è riposto il riso soffiato.

L’ideale sarebbe, in un boccone, concentrare ogni elemento per restare affascinati dai gusti che si intrecciano amabilmente.

Ora, nostro malgrado, salutiamo Tiziana che, oltre ad essere stata un’ottima padrona di casa, si è dimostrata competente nella sua professione e soprattutto appassionata.

l’Acquolina ha in serbo per il proprio pubblico futuri eventi molto interessanti. Per questo motivo inseriamo qui il link che rimanda alla loro pagina Facebook. In questo modo potrete tenervi facilmente aggiornati su piatti e novità.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *