13 Luglio 2024 5:39
Andare a vivere da sola: due lati della stessa medaglia | TheGiornale

Si giunge ad un certo punto nella vita, in cui sei troppo grande per stare ancora a casa con i genitori, e quella voglia di indipendenza prende il sopravvento, così tra emozioni discrepanti e insicurezze ti metti all’opera per raggiungere quell’obiettivo: andare a vivere da sola.

Andare a vivere da sole: due lati della stessa medaglia

La scrittrice Catherine Black scriveva:

” Non aspettare che qualcuno ti riporti a casa.
Non aspettare che qualcuno ti inviti fuori. Vacci da sola. Incontra gente, guarda quel film che ti interessa, prova quel ristorante, visita una città che ti incuriosisce – o riscopri la tua: girala a piedi, fotografala come se non l’avessi mai vista.
Non aspettare che arrivi qualcuno a salvarti. Perché potrebbe non arrivare nessuno, sappilo. Quasi mai succede.
Devi salvarti tu. Devi volerti bene.
Ecco..”

Ed è proprio da queste parole che ho trovato l’ispirazione per scrivervi questo articolo, cari amici di The Giornale, per dirvi che cosa significa andare a vivere da sola, e la cadenza femminile è voluta e a breve scoprirete dove voglio andare a parare.

Vivere da sola: alla ricerca del proprio equilibrio

Nonostante ci troviamo nel ventunesimo secolo e non nel medioevo, si sente ancora troppo spesso parlare di come le donne dovrebbero pensare alla famiglia e non alla carriera, come una donna non possa ricoprire ruoli di prestigio, cosa indubbiamente assurda. E quando ti senti dire “cavolo ai comprato casa da sola?, vai a vivere da sola, senza un compagno? e bene sì ho comprato casa da sola e ne vado fiera.

Ecco tutto quello che devi sapere per andare a vivere da sola

Non sappiamo quando sia il momento giusto per uscire dal nido familiare, ognuno ha il proprio tempo , è un passo così importante che lo si desidera da quando ti avvicini ai 18 anni, quella gran voglia di non avere pIù mamma, papà, fratelli, nonni che ti controllino se mangi, se studi, se frequenti bella gente, se se se…. in tanto il tempo passa, magari ti laurei, trovi il lavoro della tua vita e ed è li che si necessità di arrivare allo step successivo, quell’indipendenze vera, l’autonomia, la libertà tanto cercata, ma vivere da sole significa anche imparare ad organizzarsi, mettersi in gioco rendendovi così più responsabili. Voi avete già raggiunto quel momento idilliaco dell’andare a vivere da sole?


Cambiare vita, per ritrovare se stesse

Dopo un periodo buio, in cui prendere una decisione giusta sembrava come cercare l’ago in un pagliaio, devi accettare i cambiamenti e andare avanti trovare quella forza perduta e non c’è modo migliore che farlo con l’andare a vivere da sola.

L’impatto non è dei migliori, anzi, si è parecchio scoraggiate, le mille cose di cui ti devi occupare per intraprendere questo passo: la ricerca della casa, che sia in affitto o in vendita, gestire la parte economica. La paura di non farcela è sempre li in agguato, quindi è molto importante circondarsi di persone che vi sostengano nel vostro progetto, persone che possono darvi le giuste dritte per raggiungere il vostro grande passo.


L’indipendenza è un qualcosa di molto importante, potrai prendere ogni singola decisione in completa autonomia, non dover rendere conto a nessuno sull’orario in cui cenare, andare a letto, hai la possibilità di gestire il tuo tempo, niente di più prezioso.

Vivere da sola ti regala la possibilità di conoscere i tuo vero io, è una vera introspezione, ti permette di mettere sul tavolo quelli che sono gli obbiettivi raggiunti e quelli che ti aspettano, quello che realmente desideri per te stesso; quelle quattro mura diventeranno il tuo mondo, la tua isola felice che ti regalerà pace dopo una giornata lavorativa.


Fare la spesa non è mai stato cosi facile con i prodotti sfusi


L’amica/nemica che vi accompagnerà nel primo periodo: la solitudine

Nel primo periodo insieme all’euforia e allo stress dovuto alla parte burocratica con eventuale banca o agenzie, con tutti coloro con cui ho parlato hanno vissuto intoppi notevoli nella richiesta di mutuo, quindi non crollate anzi, pensate positivo e tutto andrà per il verso giusto. Ma ritorniamo alla nostra amica- nemica: la solitudine, inizialmente sarò nemica perchè non si è abituati ad occuparsi di tutto completamente da sole, il silenzio che ti accompagna nelle serate a casa o nei pomeriggi, portano la mente a fare viaggi assurdi, soprattutto se sei una persona empatica e sensibile.

Ma con il passare del tempo apprezzerai sempre di più quel silenzio, quella pace, la solitudine diventa compagna arricchisce il proprio essere, il potersi dedicare al 100% a se stesse, hai propri hobby cancellando tutto quello che la routine quotidiana regala.

I sacrifici economici saranno tantissimi, e saranno proprio quelli a farsi pensare di non farcela ma voi credete in voi stesse più che mai, il tutto vi renderà una persona migliore, e apprezzerete molto di più quello che avrete raggiunto, perché sarà solo merito vostro e dei vostri sacrifici.


Essere turista nella propria città: 4 luoghi di Torino da scoprire


Qualche dritta organizzativa e non

  • Non acquistate tutto e subito, soprattutto l’arredamento e l’oggettistica, non c0p niente di più bello che comprare poco a poco, vedrete formarsi il vostro nido giorno per giorno, inoltre anche il vostro portafoglio ringrazierà.
  • Create una cassetta degli attrezzi. Martello, cacciaviti, chiodi vari, e perchè no anche un trapano e qualche tassello, io devo ancora imparare ad usarlo ma in tanto l’ho comprato!
  • Cucinare e fare la spesa per una persona può essere semplice ma allo stesso tempo complicato. Si rischia di comprare troppe cose che poi scadono, e quando si cucina sembra che vi siate trasformati nella zia di giu, che prepara per l’intero quartiere. Non impazzite, vi consiglio si programmare indicativamente cosa volete mangiare durante la settimana, questo può aiutarvi nel fare la spesa, e se preparate di più non importa esiste il surgelatore.

Una volta che vi sarete sistemate sedetevi sul vostro fantastico divano apritevi la vostra bottiglia di vino preferita ( per me Anthilia – Donna Fugata), e brindate a voi stesse e a quello che avete realizzato, in questo modo quando deciderete di far entrare qualcuno nella vostra vita sarete sicure che lo farete perchè lo desiderate davvero.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *