23 Luglio 2024 19:36
man wearing blue shirt standing on cliff while watching mountain

Photo by DreamLens Production on <a href="https://www.pexels.com/photo/man-wearing-blue-shirt-standing-on-cliff-while-watching-mountain-2450296/" rel="nofollow">Pexels.com</a>

Se c’è un’attività sportiva che davvero fa al caso di tutti e di tutte le tasche questa è proprio l’escursionismo.

landscape hill mountain grass - Escursionismo perché

Dove nasce il termine escursionismo?

Molto più comune nel suo equivalente inglese, la parola trekking deriva dal verbo to trek che significa fare un lungo viaggio, e deriva dall’olandese di epoca boera che fa riferimento al periodo in cui i contadini boeri del Sudafrica furono costretti a migrare in cerca di nuovi insediamenti, in seguito all’occupazione delle proprie terre da parte degli inglesi compiendo il cosiddetto The Great Trek, una specie di conquista americana del West in territorio africano, che dette vita poi alle piccole colonie sudafricane del popolo boero.

E’ da qui che nasce il concetto di trekking come percorso per ritrovare se stessi camminando verso nuove mete, lungo sentieri e mulattiere anche in compagnia di asini, muli, buoi o cavalli.


Regali ecologici: 5 idee green per tutti i gusti


Benefici dell'escursionismo

L’idea alla base è proprio un “lento viaggiare”, facendosi trasportare dalle proprie gambe fintanto che queste ce lo consentono. E se consideriamo la lentezza come uno dei valori irrinunciabili allora ecco che il primo beneficio è servito. L’attrattiva dell’escursionismo sta anche nella “comodità” dell’attività. Certo, un minimo sforzo per alzarsi dal divano è richiesto, ma non è necessario recarsi in Perù, Tasmania, Nepal per ammirare delle bellezze della natura, trarne benefici ed esserne appagati: un percorso escursionistico lo si trova anche dietro casa.

Perché mettersi gli scarponcini e scalare?

E quindi perché dover mettere quegli scarponcini ai piedi che “non metto da una vita, probabilmente sono sotto in cantina e non so neanche se mi stanno più”? I motivi sono molteplici, alcuni molto evidenti, cercherò di passarli in rassegna soffermandomi sui benefici dell’escursionismo per la salute.

Chi segue un po le tendenze del momento saprà che cosa si intende quando si parla di Shirinyoku o Forest Bathing. Per chi ne fosse completamente a digiuno, questa è una pratica che arriva dal Giappone e consiste nel cosiddetto Bagno di Foresta, ovvero l’immersione nella vegetazione di un bosco o di una foresta al fine di ricomporre quel divario tra uomo e natura che si è andato creando nel tempo. Questo genera tutta una serie di benefici per la salute fisica e mentale dall’effetto immediato.

E forse non tutti sanno che questo non è solo dovuto al potere calmante che ha lo stare all’aria aperta e l’essere circondati dal verde, ma anche all’effetto dei cosiddetti monoterpeni, sostanze aromatiche liberate dalle foglie degli alberi, e dei fitoncidi, oli essenziali presenti nel legno, che gli alberi rilasciano in modalità volatile per difendersi dai parassiti.

I benefici dell’escursionismo per corpo e mente

10 libri sull’ambiente


L’azione combinata di queste sostanze offre un effetto distensivo e calmante, contribuendo nel contempo a rafforzare il nostro sistema immunitario. Da qui, è facile intuire come una passeggiata che comprenda anche una zona boschiva possa ulteriormente giovare alla salute. A questi si aggiungono tutta una serie di altri effetti benefici del fare escursionismo,  anche a livello amatoriale, che andremo qui di seguito a elencare:

  • Migliora la circolazione, il respiro e diminuisce il colesterolo nel sangue: anche il trekking, come le altre attività aerobiche, ha degli effetti benefici sull’apparato cardio-circolatorio come la riduzione della frequenza cardiaca anche durante un’intensa attività. 
  • Brucia calorie: in quanto attività fisica è indubbio il suo potere tonificante e dimagrante, per lo meno fino all’arrivo in rifugio.
  • Un aiuto alla respirazione: praticare sport all’aria aperta migliora le funzioni respiratorie specialmente dove l’aria è più pulita. 
  • Tonifica i muscoli: il trekking è l’ideale per rafforzare e tonificare determinate fasce muscolari come i glutei, gli adduttori e i bicipiti femorali. L’utilizzo delle bacchette inoltre coinvolge tutta una serie di muscoli della parte superiore del corpo che ne sarebbero esclusi altrimenti.
  • Definisce gli addominali: sia in salita che in discesa, il trekking fa lavorare i muscoli addominali i quali intervengono nel mantenere la schiena dritta e l’equilibrio del corpo, soprattutto in frenata.
  • Aumenta la produzione di globuli rossi: quando praticato a quote più elevate il corpo attiva alcuni processi atti alla produzione di più globuli rossi per bilanciare la carenza di ossigeno nell’aria. 
  • Previene sovrappeso e obesità, nonché il diabete: permette di bruciare i chili di troppo in maniera più rapida  e riduce il livello di glicemia nel sangue.
  • Un pieno di vitamina D: l’azione di irraggiamento del sole fa sì che il corpo ne immagazzini di più e meglio per il benessere delle ossa e per il sistema immunitario.

I benefici dell’escursionismo per corpo e mente

Mens sana in corpore sano recita la saggezza dei romani, il che è particolarmente vero per l’escursionismo. Gli effetti psicologici riguardano la riduzione di stress, ansia e depressione, sia che lo si pratichi in compagnia che in solitaria e quelli di carattere culturale e sociale: è uno sport che spinge a conoscere posti nuovi nonché persone nuove. Se ancora questo non bastasse, considerate i benefici che reca al vostro portafoglio: non è necessario essere in possesso di un’attrezzatura estremamente tecnica e costosa se ci si ferma a medie altitudini. L’unico vero investimento sarà uno scarponcino molto comodo e impermeabile adatto a qualsiasi tipo di terreno, da abbinare a delle bacchette eventualmente.

La sicurezza prima di tutto

Lo scrupolo dell’escursionista amatoriale in particolare (ma anche di quello più esperto) però, dev’essere quello della sicurezza. Affidarsi a una guida escursionistica ambientale può essere un ottimo metodo per approcciarsi a un’attività mai praticata prima soprattutto se la località scelta per la propria gita è del tutto sconosciuta. La guida provvederà a fornire tutte le informazioni di carattere pratico e teorico – dai consigli sull’abbigliamento alle competenze di primo soccorso – che consentono di godere appieno e in tutta sicurezza delle bellezze della meta prescelta per l’attività. 


Hai già messo mi piace a TheGiornale?


Devo aggiungere altro per convincervi a partire per una bella escursione in montagna questo weekend? Non indugiate oltre per poter godere di tutti i benefici dell’escursionismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *