LA BUONA NOTTE di Rab – Lieto fine

Lieto fine

C’è un errore comune in quasi tutte le storie: la ricerca ossessiva e spericolata di un felice epilogo, un sorriso che plachi la nostra fame esistenziale, perché tutti sogniamo un lieto fine.

Per carità, ce l’hanno insegnato sin da piccini, tutto è bene quel che finisce bene. Un mantra da stamparsi dritto in fronte, da incidere a fuoco nei nostri cuori, da scambiare perfino con l’ossigeno che ci tiene vivi.

Così quando si scrive una storia bisogna tenerne conto, perché tutti si aspettano questo da noi. Anche dal racconto che appartiene a tutti noi,  quello che comunemente viene chiamato vita.

Ciò che non teniamo troppo spesso a mente è che alcune storie sono fatte per essere tristi, struggenti o deludenti. Che mondo sarebbe se tutte le storie avessero un lieto fine?

Chi c’insegnerebbe lezioni di vita se non sbagliassimo mai?

Il lieto fine è destinato a deluderci la maggior parte delle volte, già solo per tutte le speranze che gli accolliamo addosso. E di bei finali ce ne sono tanti. Solo che aspiriamo ai grandi successi e non siamo più capaci di nutrirci di piccole soddisfazioni.

C’è un sorriso nascosto tra le sue labbra che sarai destinato a raccogliere, un modo nuovo di mordersi le labbra che prima non esisteva. In tasca hai una mano che verrà stretta forte nei momenti di paura, mentre si fa l’amore. Così stretta da strozzare anche il cuore. Hai addosso un odore che rimarrà impresso nel maglione di chi passerà ore abbracciato a te, quale finale migliore di questo?

Non dovremmo accontentarci mai, sarebbe da stolti farlo. Sarebbe una rinuncia troppo grande per la nostra esistenza. Ma dovremmo imparare a guardare tutti i bei finali che la vita ci sa offrire, anche quelli che dopo un bacio dato ci potrebbero far soffrire.

 

LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it - Lieto fine

 

 


Hai voglia di andare a dormire con una nuova buona notte? Segui TheGiornale.it

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Rab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *