14 Luglio 2024 18:30
LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it

Un posto vuoto

C’è una paura grandissima, qualcosa che si direbbe impossibile da colmare. Si può solo sentire, si può solo vedere ma non si può toccare. Come il silenzio di chi ha perduto la parola e la cerca dentro le proprie mani, rimaste vuote, rimaste fredde, come la testa appoggiata al finestrino ed un posto vuoto accanto, a fare troppo casino.

Così ti costringerai a stare con chiunque, con sconosciuti e il loro sudore. Mischierai il giorno e la notte, fino a non riuscire più a dormire. Perderai il sonno, poi senno, sprecherai tempo per qualche inutile impegno.

E la cosa peggiore sai quale sarà? Perderai il coraggio di rischiare. Non te ne accorgerai neppure, lo farai in maniera del tutto inconsapevole.

Prima affidandoti a labbra sconosciute, troppo poco screpolate, mica come il tuo cuore. Mano a mano ti dedicherai a chi non ti saprà abbracciare, viscidi lividi sul tuo stare in mezzo ad un respiro che non sa ascoltare il tuo rumore. Poi? Poi rifiuterai chi in te ci credeva davvero, lascerai andare perduto chi ti avrebbe amato.

Ti troverai accanto un solco, il tuo cuore diverrà un teatro desolato con il tuo amore ad essere l’unico spettatore. Finirai per stare sola. Secondi interminabili, minuti infiniti, ore ed ore. E i giorni non sapranno più finire, e tu non saprai più da che parte guardare.

Un posto vuoto.

Quello che con il tempo avrai scelto tu d’avere al tuo fianco, nessun altro.

Capiterà, e te lo dico perché capita sempre, che arrivi un pazzo, uno come me. Con qualche parola buona, qualche sentimento sgualcito venduto per buono, con gli ripassati di pioggia e nel cuore ancora qualche tuono. Noi, arriviamo prima o poi.

Prepotenti e scostumati, forse. A farci posto. A fare a pugni con le paure e con il timore. Fino a chiedere, gentilmente, solo un po’ d’amore.

Quindi, quando qualcuno arriverà ad occupare quel posto vuoto, quello che avrai custodito gelosamente, guardalo un po’ strano, ma poi, fatta un po’ di strada insieme, prova a dare lui la tua mano.

Tempo di un bacio e sarete andati fin troppo lontano!

 

LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it - Un posto vuoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *