Riflettiamo su E3 2017: bene, ma non benissimo

Anche quest’anno i giochi sono stati fatti e l’ E3 ha mostrato tutto ciò che celava: tante conferme, alcuni ritorni, poche novità di sostanza.

Andiamo a vedere cosa mi ha piacevolmente colpito e cosa no.

Partiamo subito col botto (si fa per dire): XBOX ONE X, non uno scioglilingua, bensì il nome definitivo di Scorpio, la nuova console di Microsoft. Ancora una volta devo “complimentarmi” con la dirigenza marketing, perché l’utente medio che vedrà la ONE S e ONE X una affianco all’altra penso passerà 15 minuti buoni in compagnia del commesso di turno a capire per quali motivo una costa il doppio dell’altra…ma andiamo con ordine.

Risultati immagini per xbox one x
XBOX ONE X

Tecnicamente una bella console, e ci mancherebbe visto che per un anno si sono fatti i rasponi da soli, ma da chi il mercato lo sta vivendo da inseguitrice mi aspettavo di più, moooolto di più.

Forma a parte, di questa console si sapeva praticamente tutto, Microsoft non ha avuto il coraggio di proporre nulla che mi abbia fatto pensare anche solo per un attimo “quanto ti vorrei mia cara TRIX”. Degli oltre 40 giochi presentati, 22 sono esclusive, ma molti di questi sono giocabili su PC, altre sono esclusive temporanee e la maggioranza assoluta sono indie, che per quanto apprezzi, non sono certo i giochi che andranno a sfruttare l’onnipresente 4K e la cui qualità ludica è ancora tutta da verificare.

Insomma nell’E3 di Microsoft è mancata quella BOMBA che tutti si aspettavano. Peccato!

Risultati immagini per the last night
The Last Night, giochi indie che promette molto bene!

Per carità, la console è molto potente, e tutto sommato il prezzo di accesso (499 $/€) non è così proibitivo se consideriamo le componenti HW (un PC di pari fasci costa tra i 600 e 700  € per dire…), ma in quanti crederanno che il gioco ne valga la candela? Chi doveva comprare una console l’ha già fatto, non tutti hanno un TV k4, non a tutti interessa giocare a AC Origins con 3 ciuffi d’erba in più a schermo.

D’altra parte per quale motivo gli sviluppatori dovrebbero investire ingenti risorsi ti denaro e tempo per ottimizzare un titolo che non garantisce vendite, al momento, su una determinata piattaforma, quando la concorrenza vende con un rapporto 2:1?

Insomma per far vedere il potenziale era necessario mettersi in gioco in prima persona, e FORZA e Ori (presentato con un misero trailer), per quanto amati, di certo non basteranno a fare la differenza.

XBOX ONE X è più potente, ma più cara e continua a non avere titoli che ammaliano i giocatori…non la vedo rosea.

Se guardiamo la  presentazione della diretta concorrente, mi viene da pensare che SONY ha allestito un banchetto più appetibile, senza però impegnarsi minimamente.

Forte della sua leadership incontrastata, in questa E3 si è limitata a qualche annuncio inatteso quali il remake di Shadow of the Colossus, Detroid: Become Human, un nuovo gameplay di GOW, che mi ha lasciato un po’ così per via dell’ascia, ma ho fiducia nei Santa Monica Studio, svariati multiapiattafroma, DLC di Horizon, un Monster Hunter non c’è male e altre robe (Days Gone a me non dice niente, ma spero di sbagliarmi)

Risultati immagini per spiderman insomniac
Spiderman di Insomniac

Ad aver sorpreso e convinto di più forse è stato il nuovo Spiderman, (faccio notare il notevole sincronismo con l’industria cinematografica, anche per il tema piratesco di Skull & Bones): pare finalmente che l’uomo pipistrello avrà un degno compagno di giochi con cui misurarsi.

Grandi assenti: Bloodborne 2 e soprattutto The Last of Us Part 2 (o quello che sarà), ma Sony domina il mercato, e per come è messa Microsoft, ha pensato di tenersi la sua bomba per far tornare i riflettori su di sè in momenti più critici, se mai ce ne saranno.

Di EA Games ricordo con piacere il già citato Anthem, ma mi ha sorpreso per il tipo di approccio A Way Out, titolo completamente in cooperativa, roba folle per alcuni, ma secondo me ogni tanto c’è bisogno di spingersi verso questi estremi in un mercato così ricco di alternative spesso uguali fra loro. Per gli amanti di Star Wars è stato presentato Battlefront II: non impazzisco per la serie cinematografica, quindi la cosa mi lascia indifferente, ma spero che il gioco sappia portare qualcosa in più nel mare degli FPS online, staremo a vedere.

Risultati immagini per anthem
Anthem

Ottima l’attenzione che Bethesda ha posto sulla VR con DOOM e Fallout anche se la qualità effettiva sarà tutta da verificare (presto un articolo su cosa ne penso della VR).

Finalmente la conferma di Skyrim per Switch, di cui molti dubitavano.

Il resto non mi ha particolarmente emozionato.

Risultati immagini per assassin's creed origins

Mi è piaciuta Ubisoft: FarCry 5 intrippa alquanto con questa trama a sfondo religioso, Assassin’s Creed ha una delle migliori ambientazioni della saga, ma il gameplay non mi ha convinto ancora al 100%. Il crossover tra Mario e i Rabbids promette bene…spero che non sopraggiunga la noia dopo un po’ di ore di gioco, ma in genere con Nintendo ci si attesta su parametri qualitativi molto elevati dal punto di vista di puro gameplay.

NB: bellissimo vedere come il nostro Davide Soliani, director del gioco, si sia commosso alle parole di ringraziamento del sommo Miyamoto, uno dei miei momenti preferiti.

Curioso anche di vedere se questo Starlink: Battle for Atlas regalerà meccaniche profonde e soddisfacenti anche per i giocatori “più cresciutelli”…c’è da dire che cambiare i moduli del modellino e constatare che ha un effetto diretto nel gioco è una di quelle cose che ti fanno un sussulto al cuore, anche se gli skylanders ci avevano abituato a qualcosa di simile.

Menzione d’onore per il sequel/prequel di Beyond Good and Evil, ma aspetto di vedere il gioco per parlarne di più.

Risultati immagini per starlink
Modello navicella di Starlink

E infine sempre lei, Nintendo, che praticamente ti obbliga a essere “nintendaro”: in 25 minuti ha mostrato presente, futuro anteriore e futuro prossimo che sta allestendo per noi.

Se l’annuncio di un Pokemon classico per Switch ha attirato l’attenzione dei suoi fan, penso che la conferma di un progetto targato Metroid Prime 4 abbia dato una bella botta al loro stato emotivo.

Poi va beh, la chiusura con il trailer e relativa presentazione di meccanica principale (possessione di ogni nemico e non solo del gioco) di Super Mario Odissey, che si candita a diventare il miglior Mario di sempre (scusate se è poco).

Resoconto dell’E3 2017

Insomma, per me questa E3 non è stata affatto deludente: i giochi sono stati protagonisti, e qualche piacevole sorpresa c’è stata.

 

Forse manca da un po’ di tempo “l’effetto WOW” che tutti provavano nelle edizioni passate, tuttavia è necessario analizzare la situazione attuale e capire che proporre nuove IP di rilievo oggi giorno non è una mossa semplice, e questo vale a livello ludico quanto economico.

Con le specifiche tecniche, aumentano anche i costi di produzione e gestione di prodotti di un certo calibro, e non ha senso condannare software house che non si cimentano in un progetto innovativo e originale, sapendo che molte volte i giocatori si “accontentano” di nuovi capitoli di saghe storiche, se accompagnate dalle dovute migliorie e innovazioni. In fin dei conti non bisogna scordare che tutto inizia e finisce grazie ai soldi, e agli investitori poco importa che nome avranno le IP nella maggioranza dei casi.

Cosa mi ha intrippato di più dell’E3

Anthem: buone le premesse, speriamo non in un classico downgrade.

The Last Night: mamma mia quanto sembra fico.

GOW: amo la saga, e una rinfrescata potrebbe fargli bene.

Spiderman: che oltre ad essere il mio supereroe preferito, sembra stia venendo su proprio bene.

FarCray: mi aspetto un capitolo al livello del 3, se non superiore.

Metroid 4: 10 anni di attesa sono tanti per non gioirne.

Nintendo in generale: presentazione corta ma densa, hanno un calendario di uscite mensili di gran valore, e il prossimo anno si prospetta ancora più florido. Switch è la console che mi interessa maggiormente.

Dragonball: un brand immortale che, sebbene inizi a digerire poco, sembra che possa godere di una nuova giovinezza proprio tornando a uno stile di picchiaduro classico 2D, ArcSystemWork il mondo vi punta gli occhi addosso!

Cosa non capisco

La mancanza di una vera bomba presentata da Microsoft.

Dicono che Sony, abbia fatto le vendite parlando di potenza HW. In realtà le cose non sono andate così manco per sbaglio:

  • Playstation costava 100€ in meno al lancio rispetto alla ONE (che voleva per forza far sucare agli acquirenti “l’imprescindibile” kinect)
  • Anche se solo annunciati per il futuro, Sony ha comunque sempre offerto in esclusiva giochi di qualità e in numero nettamente superiore a Microsoft, e visto che i multipiattaforma li trovi ovunque, mi sembra ovvia la scelta su una console dove posso trovare ALTRI giochi che mi piacciono.
  • Playstation era più potente, fattore per me non importante, ma che nel contesto aiuta ad orientarsi.

Cosa avrei voluto in questa E3

Nuove IP o qualcosa di veramente inaspettato…

Best of E3 2017

Super Mario Odysseyla meccanica svelata di poter impossessarsi praticamente di qualsiasi cosa o nemico (vuoi mettere diventare un fottuto TRex!?) mi ha veramente esaltato e, pur non essendo totalmente nuova nel panorama videoludico, mi sento abbastanza ottimista da affermare che questo Mario raggiungerà le vette qualitativa dell’ultimo Zelda! 

Risultati immagini per mario odyssey

Commenta questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This