LA BUONA NOTTE di Rab – Amore devastante

Amore devastante 

 

Forse quando cominciamo una storia la prima cosa che dovremmo dire guardandoci negli occhi è “scusa”. Perché ci dimentichiamo che spesso l’amore ci fa male. Nuoce gravemente, disossa, disintegra, polverizza. Amore devastante, perché poi resta sullo stomaco, schiaccia il cuore da quanto è pesante.

E non parlo solo delle storie che vanno male, ma anche di quelle che resistono ed esistono tutt’oggi. L’amore è il sentimento più equilibrato che possa esistere. Restituisce sempre tutto ciò che toglie e si riprende esattamente ciò che ha deciso di dare. Per questo motivo dico che è devastante. Solo gli sciocchi pensano di poter vivere l’amore ricevendo e basta.

L’amore ruba il cuore a chi è convinto di poter derubare. L’amore spacca i denti a chi sporca il sorriso altrui. Leva i pensieri a chi occupa abusivamente il cuore altrui. Il cuore va rispettato, e l’amore è il guardiano che cerca di assicurare il giusto riguardo.

Ho sempre apprezzato le persone oneste, quelle che se non sanno amare lo dicono. Si dichiarano incapaci, e se scegliamo d’amarle lo stesso sappiamo che dovremmo insegnare loro come si fa. Amare è il sentimento più spontaneo che possa esistere. Come la Nutella per molti, non si può resistere. Siamo destinati a cedere, a dargli il permesso di farci suo.

Amore devastante, quello che si prova la prima volta, quello che poi ritorna, che cambia forma.

Allora quando scegliete d’amare, fatelo con incuranza. Fatelo sapendo che vi spaccherete le ossa, che diventerete ciechi, che non sarete più in grado d’amare di nuovo, se non mai più, per molto tempo.

Ma date tutto all’amore, date lui il permesso di disintegrarvi. E se sceglierete di non dare lui il permesso, state pur certi che se lo prenderà da sé.

L’amore devastante, quello di due occhi, di un cuore tremante, quello che torna a dire Ti amo dopo tantissimo tempo.

 

LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it

 


Hai voglia di andare a dormire con una nuova buona notte? Segui TheGiornale.it 

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Rab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *