Nutshell travel: il viaggio di Matteo e Anna ora è realtà.

Vi ricorderete sicuramente di Anna e Matteo e della loro folle impresa di cui abbiamo già parlato; bene, ora i due amici di TheGiornale.it sono partiti. Nutshell travel il viaggio ora è realtà.

 

Nutshell travel

 

I nostri beniamini sono partiti zaino in spalle il 3 settembre da Milano, con una “buona dose di fiducia per rendere reali i loro sogni”, come spiegano sulla loro pagina Facebook Nutshell travel.

Dopo diciannove ore di viaggio li ritroviamo ancora belli pimpanti al loro primo stop: Berlino; permanenza ovviamente flash e via, si riparte alla volta di Varsavia.

Qui trovano le loro prime ispirazioni e la loro prima conoscenza: l’host Milo che gli fa da cicerone per vivere il più possibile la città nel pochissimo tempo che i nostri amici hanno a disposizione.

 

Nutshell travel

 

Abbandonata Varsavia ecco un altro giro e un’altra corsa, questa volta alla scoperta di Riga; Anna e Matteo la descrivono come “un posto freddo, i volti delle persone sono duri ma, allo stesso tempo, l’ ambiente circostante è caloroso ed accogliente”.

Lasciata alle loro spalle Riga si inizia a giocare duro, primo timbro sul passaporto e via alla conquista della Russia!

 

Nutshell travel

 

Transiberiana, tante conoscenze nuove, tanta carica, tante emozioni, tante speranze e si arriva a San Pietroburgo; qui, Anna e Matteo conoscono casualmente ad un couchsurfing due ragazzi che discrivono come “colti, amanti della vita, viaggiatori ed idealisti” che, gli permettono di conoscere angoli che autonomamente non avrebbero mai scovato e, con cui condividere esperienze di vita, racconti di viaggi, sogni e speranze davanti ad un pasto caldo per ricaricare le batterie.

 

Nutshell travel

 

Si riparte alla volta di Mosca, la città delle Fiabe, emozionati e carichi di curiosità verso il domani e verso la nuova avventura quotidiana.

 

Nutshell travel

 

Niente di meglio delle loro stesse parole possono descrivere come stiano vivendo la Transiberiana e quindi, mi affido a loro:

“Come prima giornata qui sulla transiberiana abbiamo avuto conferma di tutto ciò che avevamo sempre immaginato. La transiberiana non è soltanto una linea ferroviaria che divide in due l’intera Russia, è molto di più. È un mix di etnie e generazioni non indifferenti, è il modo più diretto per entrare in contatto con questa magnifica cultura che a tratti è vero, può sembrare fredda e dura, ma se entri un po’ all’interno del loro mondo ti accorgerai subito quanto possano scaldarti il cuore con i loro gesti, il loro modo di fare e il loro semplice ed umile essere. Se ti lasci andare questa tratta è in grado di farti vivere esperienze davvero indimenticabili.

Ti da l’opportunità di conoscere persone come Sierg e la sua mamma che fanno di tutto per farsi capire scambiando con te sorrisi ed invitandoti a passare da loro un giorno o l’altro, oppure Julian che con la sua grande stazza ma con il gentil fare si pone a te proprio come farebbe un amico stretto offrendoti un boccone di quello che sua moglie ha preparato per lui.. questo treno è magico nel vero senso della parola, non ci siamo mai sentiti a casa quanto in questo momento. Accolti, coccolati e senza annoiarci neanche un minuto. Dobbiamo scendere ma vorremmo rimanere qui con loro e con le altre moltissime persone che lo occupano per poter condividere ancora pensieri momenti e sogni ma è quasi giunto il momento di andare. Avremo ancora tappe lunghe da affrontare su di questo cavallo d’acciaio e non vediamo l’ora di risaltare in sella per ubriacarci di emozioni pure e selvagge proprio come sono queste terre.

 

Nutshell travel

 

Continua la nostra avventura preferita, con i nostri eroi preferiti, quelli di cui si sentiva il bisogno, quelli che non fanno i buoni ma lo sono per davvero, che cercano del buono in ogni angolo del Mondo per mostrarci che il buono esiste ma, non siamo più abituati a vederlo.

Anna e Matteo il viaggio ora è realtà ed raccontato in diretta su Nutshell travel.

Voglio salutarli  e augurargli un sereno proseguimento proprio con le loro stesse parole: ragazzi, be positive, be nutshell!!

Stay tuned on TheGiornale.it and Nutshell Travel.

Se volete leggere altri racconti meravigliosi sul mondo dei viaggi vi invitiamo a seguire la nostra rubrica OltreMondo.

 

Commenta questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest

Shares
Share This