Mondiali 2018: ottavi di finale, squadre e bomber da tenere d’occhio

Grazie ai Mondiali 2018 l’inizio di luglio si prospetta come il mese più caldo dell’anno, sarà un periodo ricco di colpi di scena e calcio spettacolo? Si confermeranno i bomber dei gironi?

Questo è e rimane il primo mondiale tecnologico della storia, il VAR (moviola in campo) ha cambiato e migliorato il gioco in campo con meno errori arbitrali. Ironia della sorte, è stata l’Italia ad aver insegnato a come usare la moviola in campo, per ora solo usata nella serie A. La Fifa ha fatto sapere che è stato un successone con la nuova tecnologia e il presidente degli arbitri, Collina, ne è rimasto soddisfatto perchè il nuovo metodo è stato preciso per il 99,3% dei casi. Il calcio cambia, ma non i veri campioni.

Bomber mondiali 2018, parlano le statistiche

Kane con 5 reti (Inghilterra), Cristiano Ronaldo (Portogallo) e Lukaku (Belgio) entrambi con 4 reti sono stati gli attaccanti più pericolosi fin adesso. Segno che per ora gli attaccanti più fisici (Kane e Lukaku) hanno avuto più occasioni da gol. Di tutt’altra stoffa il campione Cristiano Ronaldo, capace di essere sia pericoloso che utile, visto che si è visto spostato anche nell’area della propria squadra per difendere. Oltre alla bravura però, nei Mondiali di Calcio, bisogna anche essere fortunati e affiatati con la propria nazionale. Nei rispettivi gironi, il Belgio rimane favorito per passare l’ottavo di finale contro il Giappone. Il Portogallo ha dimostrato di essere abbastanza cattivo e organizzato, ma troppo dipendente dai goal di Cristiano Ronaldo. Si è visto nella partita tra Portogallo e Spagna finita 3 a 3. L’Inghilterra si è misurata con grandi squadre per poche volte, e con la Colombia sarà una sorta di prova del nove. Sarà ancora l’Uragano Kane a segnare?

 

Kane Francia Argentina - mondiali 2018

 

Per quanto riguarda l’Argentina, Messi rimane ancora una volta uno dei giocatori più forti al mondo, e l’eterno rivale Cristiano Ronaldo gli darà ancora del filo da torcere anche dopo i Mondiali 2018 in Russia.

 


 

Potrebbe interessarti: I cinque calciatori più belli dei mondiali di calcio 2018


 

Per la Spagna si tratta di una delle più forti, grazie al suo Tiki Taka e alla fortuna di giocare con squadre di livello leggermente diverso come la Russia. L’altra favorita finalista è il Brasile, che rimane ancora attaccato ai goal e alle giocate di Neymar anche se la formazione rimane una delle più forti in tutto il Mondiale sia sul fronte difensivo che offensivo. Resta il fatto che Spagna, Francia e Brasile siano le favorite per arrivare almeno ai quarti di finale. Secondo molti Spagna e Francia potrebbero essere le finaliste oppure Belgio-Inghilterra.

Francia-Argentina: ottavi di finale entrano nel vivo

Si potrebbe dire che è la calma prima della tempesta, i gironi hanno eliminato una tra le squadre favorite come la Germania. Da sabato 30 giugno la competizione entra nel vivo con il primo big match Francia- Argentina. Due squadre di spessore che vantano fuoriclasse di prestigio come i francesi Griezmann, Pogba e l’appena 19enne Mbappè, giusto per dirne tre. Il primo match sarà in diretta tv sempre su Canale 5, e per quanto riguarda le formazioni sembra che il ct della Francia, Didier Deschamps, abbia confermato la formazione 4-3-3 che ha fatto fortuna nel girone.

 

Griezman Francia Argentina

 

Di tutt’altra idea invece quella di Sampaoli, sempre alle prese con un cambio di modulo non del tutto calzante con i giocatori a disposizione. L’Argentina arriva per un pelo agli ottavi di finale dopo una sconfitta, un pareggio e una vittoria all’ultimo minuto. Sembra che l’unico titolare inamovibile sia Lionel Messi, mentre si prospetta ancora un cambio di titolari tra Higuain e Aguero; lo juventino Dybala, invece, sembra essere sempre più escluso dalle idee del tecnico. Il modulo sembra essere il classico 4-4-2 con avanti Messi.

Sarà sfida tra Griezmann e Messi, o i moduli faranno la differenza?

 


 

Hai già messo mi piace a TheGiornale.it?

 


 

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Andrea Marangon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *