icona di facebook - thegiornale.it

3 Consigli per Affrontare il Nuovo Algoritmo di Facebook

Siamo alle solite. Il tempo di digerire le ultime novità e il buon vecchio Mark Zuckerberg ci rifila un nuovo algoritmo di Facebook. Poco più di 24h fa, ci ha informato dalla sua pagina che il prossimo aggiornamento porterà grossi cambiamenti: verrà data maggior rilevanza ai contenuti di amici e familiari a scapito dei post […]

Partiti populisti. Cosa sono e come funzionano oggi, nell’era dei social network.

Negli ultimi anni, nella scena politica italiana si sono imposti in maniera prepotente i partiti populisti, dominandola quasi completamente. Per comprendere al meglio di cosa si stia parlando, è necessario descrivere le caratteristiche di quello che si definisce POPULISMO: l’ enciclopedia Treccani lo definisce come “termine utilizzato per designare movimenti politici, sviluppatisi nel corso del […]

Ecco la nuova malattia del secolo, istruzioni per l’uso.

Oggi giornata strana; piove, fa freddo e non sembra nemmeno Giugno.

Ansia da penultimo esame incombente, sotterrata dai libri e dalle mille scadenze da tesista che mi inseguono.

Pausa caffè e sigaretta: apro Facebook negli ultimi cinque minuti rimasti prima di rimettermi a studiare; mi imbatto in un post che riguarda un argomento abbastanza attuale: l’ obbligatorietà dei vaccini.

Per curiosità, apro la pagina Facebook da cui è stato condiviso il post.

Leggo gli articoli e, leggo i commenti; rimango basita.

Certo, eticamente ci si chiede “è corretta l’imposizione coercitiva dei vaccini?”. Domanda lecita, da cui si può partire per intavolare conversazioni intelligenti che, purtroppo però, non compaiono nella pagina.

Le fonti da cui ci si informa sono decisamente discutibili; blog personali, noti siti di bufale e chi più ne ha più ne metta.

Nessuno si interroga su questa proposta di rendere i vaccini obbligatori e sul perché, si alza solo un’unica risposta in coro “è tutta colpa di Big Pharma!”.

Leggi di più a proposito di Ecco la nuova malattia del secolo, istruzioni per l’uso.

LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it

LA BUONA NOTTE di Rab – Fake news

Fake news

LA BUONA NOTTE di Rab - Fake news

 

C’è una costante nella nostra quotidianità social e sono naturalmente le fake news. Una genialata che spinge molti a produrre notizie false e fa si che la gente ci creda pure.

E’ bene fare alcune piccole precisazioni, sono il primo a ridere quando “Lercio” (una nota pagina Facebook che produce questa tipologia di notizie) assembla tramite qualche bizzarro e divertente gioco di parole una notizia FALSA!

Ma Lercio si pone come pagina satirica, ed è chiaro si occupi di fake news.

In quanti hanno realmente creduto che un bambino eschimese possa essere stato fuori casa per sei mesi, solo perché la madre le aveva detto di ritornare prima che facesse buio? Leggi di più a proposito di LA BUONA NOTTE di Rab – Fake news