Death Note - TheGiornale.it

Death Note: Netflix colpevole come gli altri

Ogni volta che viene annunciata una trasposizione cinematografica di un anime/manga o videogames un brivido raggelante percorre le schiene di migliaia di fan sparsi per il mondo. Quando Netflix diffuse il primo trailer del proprio film di Death Note, molti avevano intuito che la storia si sarebbe ripetuta e che l’umanità non è in grado di imparare dai propri errori.

Quei molti avevano ragione.

Death Note un fardello quasi insostenibile

Una doverosa piccola premessa: chi sta scrivendo ha deciso di guardare il film senza cercare obbligatoriamente rimandi alla serie originale, ma sperando di ritrovare, almeno in parte, quelle emozioni e le sensazioni di trip psicologici che si manifestano nell’anime di Death Note. Quindi non mi importava del nuovo contesto americano, del cast non orientale, del cognome di Light e chissenefrega se “L” è nero invece che bianco: non è il colore della pelle che ha reso storico questo personaggio. Ho apprezzato il tentativo di ricreare l’atmosfera originale in un nuovo contesto. Già…il tentativo!

Leggi di più a proposito di Death Note: Netflix colpevole come gli altri