Eco-ansia: cos’è e quali sono le cause e gli effetti?

Con i cambiamenti climatici che imperversano, è sempre più comune soffrire di eco-ansia. Cos’è, quali le cause scatenanti e i sintomi? In questo articolo cercheremo di capire cosa si intende con il termine eco-ansia e quali strategie mettere in atto per non farsi sopraffare.

Eco-ansia: cos'è e quali le cause e gli effetti?

Eco-ansia: cos’è e quali sono i sintomi?

Il fenomeno dell’eco-ansia è stato definito dall’Associazione di Psicologia Americana (APA) come un “profondo senso di preoccupazione per i cambiamenti climatici, associata alla paura del futuro, che può portare a sentimenti di impotenza, spossatezza, stress e tristezza”. Da questa definizione sono già ben evidenti sia le cause scatenanti questo disturbo – anche se gli studiosi non l’hanno ancora riconosciuto a tutti gli effetti come tale -, sia le forme in cui si manifesta.

Tuttavia, queste non si limitano a “impotenza, spossatezza, stress e tristezza”. Infatti, tra i sintomi si annoverano:

  • rabbia e frustrazione nei confronti di chi non ammette l’esistenza dei cambiamenti climatici e/o di chi è restio a cambiare (“Sai, si è sempre fatto così…“; o ancora “Sono (tot) anni che mi comporto così, ormai sono abituat*“),
  • disturbi del sonno,
  • difficoltà a concentrarsi,
  • pensieri fatalistici,
  • senso di colpa o di vergogna per la propria impronta ecologica,
  • modifiche dell’appetito e delle abitudini alimentari,
  • e molti altri.


Eco-ansia: quali sono le cause scatenanti dell’eco-ansia?

Sicuramente, la ragione principale sta nel constatare sulla propria pelle le conseguenze dei cambiamenti climatici. Non riconoscere più i luoghi della propria infanzia – perché sono stati modificati e sono ormai irriconoscibili -, vedere modificato il proprio rapporto con la natura e il suo ciclo. Anche essere costantemente bombardati dalle notizie di “un’estate torrida, la più calda di sempre“, uragani, incendi, terremoti, e via dicendo acuisce le sintomatologie dell’eco-ansia. Il tutto unito all’incapacità di immaginarsi proiettati nel futuro, fare programmi a lungo termine, vedersi vivere una vita serena e tranquilla.

Maggiormente affetti dall’eco ansia sono, come è forse facile intuire, i giovani e i bambini. Secondo uno studio di The Lancet condotto su diecimila persone tra i 16 e i 25 anni, il 59% ha affermato di essere estremamente preoccupato per le possibili conseguenze dei cambiamenti climatici in atto e sulle ripercussioni che queste potrebbero avere sul proprio futuro.

Cosa fare se si soffre di eco-ansia?

Cosa fare se si soffre di eco-ansia?

La prima cosa da fare è prendere coscienza della cosa, senza spaventarsi. È normale essere spaventat* dai cambiamenti in atto, ma bisogna saper sfruttare l’eco-ansia come una risorsa produttiva, piuttosto che stigmatizzarla come una malattia, per poterla utilizzare in maniera costruttiva.


Hai già messo mi piace a TheGiornale?


Come interagire con l’eco-ansia?

  • Fate qualcosa che possa aiutare a invertire la rotta – ma non pretendete di fare tutto da sol*: non avete tutto il peso di ciò che accade sulle vostre spalle. Agite insieme ad altre persone e/o associazioni – vi sentirete alleggeriti e la condivisione vi farà sentire parte di qualcosa.
  • Non leggete troppe notizie negative sui cambiamenti climatici tutte insieme: restate informati, ma con dei limiti. La vostra salute mentale non deve risentirne.
  • Iniziate da azioni concrete, per piccole che siano. Questo vi aiuterà a mettere ordine nella vostra mente e, allo stesso tempo, vi sentirete utili.
  • Chiedete aiuto, senza vergognarvi, se ne sentite la necessità. Condividere queste preoccupazioni vi farà sentire sollevati e vi aiuterà.

E voi siete sensibili ai cambiamenti climatici? Come li state vivendo? Cercate di fare qualcosa, seppur nel vostro piccolo?

Commenta questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This