16 Luglio 2024 21:13
superare il test di ingresso per docenti

Photo by ANTONI SHKRABA on <a href="https://www.pexels.com/photo/a-female-professor-teaching-her-students-5306442/" rel="nofollow">Pexels.com</a>

Concorso ordinario scuola secondaria: cosa studiare e come prepararsi al concorso insegnanti: una guida per aspiranti docenti

Il concorso ordinario per la scuola secondaria di primo e secondo grado (noto anche come concorso docenti, concorso insegnanti o concorso scuola) ci ha fatto aspettare un po’ di anni. Se ne parlava da ancor prima del 2019, anni in cui i candidati docenti, disperatamente, cercavano di accaparrarsi i 24 CFU (crediti formativi di pedagogia, antropologia, metodologie didattiche e psicologia dell’educazione), necessari per l’iscrizione al concorso, ma poi il momento dell’iscrizione era arrivato nel 2020.

Concorso ordinario docenti: il decreto e il bando ad aprile 2020

Dopo mesi frenetici, tra pandemia e notizie di puro click baiting, provenienti da siti creati ad hoc per attirare l’attenzione dei candidati, finalmente, a febbraio 2020, è uscito il programma del concorso, che indicava il programma, materia per materia, da A01 (arte e immagine) ad A60 (tecnologia) e le modalità della prova:

  • Una prova preselettiva composta da 40 domande di logica e comprensione del testo, 10 di inglese B2 e 10 di normativa scolastica
  • Una prova di materia con domande aperte
  • Una seconda prova di metodologie didattiche
  • Un’eventuale prova pratica
  • Una prova orale

Concorso ordinario docenti 2021 cosa studiare dopo il nuovo decreto

Dopo il passaggio dal governo Conte Bis al governo Draghi, cambia il ministro dell’istruzione, e il nuovo ministro bianchi propone una nuova modalità per il concorso ordinario:

  • Una prova di materia a crocette, composta da 5 domande d’inglese B2, 5 domande d’informatica (con temi di didattica digitale) e le restanti 40 domande di materia.
  • Un’eventuale prova pratica (se la materia lo prevede)
  • Una prova orale con il colloquio in inglese e l’esposizione di una lezione o un’Unità di apprendimento (UDA)

man in black and white polo shirt beside writing board
Photo by Pixabay on Pexels.com

Come prepararsi al concorso ordinario: il programma per inglese e informatica

Nell’estate del 2021, il decreto Sostegni Bis ha anticipato il concorso ordinario per le Materie Stem

  • A20 Fisica
  • A26 Matematica
  • A27 Matematica e fisica
  • A28 matematica e Scienze
  • A41 Scienze e tecnologie informatiche

Osservare le loro prove scritte può dare un’idea della difficoltà delle domande, e anche della tipologia di domande per le materie comuni a tutte le classi di concorso (informatica ed inglese).

Edises o Simone? I migliori libri, simulatori e software per il concorso ordinario docenti

Una domanda frequente tra candidati è: come studiare? Edises o Simone? o forse Maggioli. Alcuni candidati preferiscono studiare direttamente dai libri delle scuole medie e superiori (ad esempio, per la preparazione del concorso A60, molti studiano dal manuale Arduino), ma è anche vero che sono libri molto vasti, che coprono spesso tre o cinque anni, e il tempo è poco. Non è facile consigliare l’una o l’altra casa editrice. Il simulatore Edises propone quesiti più complessi, mentre quello della Simone ha una difficoltà simile a quella del simulatore gratuito di Mininterno. Una buona idea è procurarsi più manuali e fare dei confronti, anche perché, piuttosto che ripassare sempre sulle stesse fonti, è stimolante usarne diverse.

Ad esempio, per il concorso ordinario A017, sono consigliatissimi i libri di Cricco Di Teodoro, da affiancare ai due manuali della Edises (quello di teoria e quello con i quesiti svolti, e il simulatore online), e al manuale della Simone (che comprende sia teoria, sia quiz svolti, sia simulatore online). Inoltre, non va dimenticato il simulatore online gratuito di Mininterno, che tuttavia mantiene ancora dei simulatori pensati per la vecchia prova preselettiva, e che quindi vanno ignorati.



Hai già messo mi piace a TheGiornale?



Giorno del concorso scuola: cosa ricordare

È importante ricordare che il giorno dell’esame non è ammessa la calcolatrice, ma sembrano ammesse carta e penna. Per i fuori provincia e regione, è consigliabile alloggiare nel comune della sede d’esame, per arrivare freschi e rilassati alla prova. Cosa altro aggiungere, se non un bell’ “in bocca al lupo” a tutti i candidati e candidate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *