17 Luglio 2024 14:26
Packaging bio TheGiornale

Un numero sempre maggiore di aziende si è posto come obiettivo il packaging eco. Perché? Per dimostrare di avere a cuore le sorti del nostro pianeta.

Packaging eco e altre idee green

La rivoluzione del Green Marketing, un approccio alla vendita che intende produrre e commercializzare prodotti realizzati con procedure volte a limitare il più possibile impatti negativi sull’ambiente, non poteva non riguardare anche gli involucri e le confezioni dei prodotti.

Perché imballaggi eco?

L’utilizzo di contenitori eco-friendly è, da un lato, una questione di scelta consapevole delle aziende, dall’altro un obiettivo imposto da diverse normative europee e mondiali. Per potersi rendere conto di quanto affermano più ricerche, e cioè che gli imballaggi costituiscono circa il 30-40% del peso e il 50% del volume di tutti i rifiuti solidi urbani, basta pensare a quante cose, ogni giorno, scartiamo da involucri di plastica.

Tema molto dibattuto negli ultimi anni, la plastica è responsabile dell’inquinamento dei nostri mari, con conseguente morte di moltissimi animali che vi abitano.

Ecco perché l’Unione Europea ha incentrato la propria attenzione sulla riduzione di queste componenti ed ecco perché molte aziende, responsabilmente, hanno accettato la sfida.

Nuovi packaging eco-friendly

Vediamo, quindi, alcuni esempi di packaging sostenibili.

La Nestlé elimina la plastica partendo dalle cannucce nel febbraio 2019 e punta ad eliminarla completamente entro il 2025. E’ di pochi giorni fa la notizia che anche gli Smarties hanno salutato l’involucro in plastica. I celebri confetti colorati ricoperti di glassa di zucchero ideati da Rowntree Mackintosh nel 1937 e rilevati dalla Nestlé nel 1988, debuttano con packaging provenienti da fonti sostenibili costituiti da carta patinata o cartone.

Smarties packaging bio

Leggi anche: ecosia, il motore di ricerca che pianta alberi grazie agli utenti


Carlsberg, ha provveduto a sostituire i classici anelli di plastica utilizzati per tenere insieme le lattine di birra a favore di Snap Pack, un sistema di incollaggio delle confezioni tramite una colla speciale, biocompatibile. Così facendo, Carlsberg ha eliminato totalmente l’imballo dalle sue lattine.

Carlsberg packaging bio

H&M non ha solo eliminato le buste di plastica, ha anche utilizzato carta riciclata all’80% per creare le nuove buste:

H&M packaging bio

Leggi anche: Maison Valentino: un card game che ci connette emotivamente


Altre idee green

  • Coca-Cola si impegnerà a produrre entro il 2025 confezioni al 100% riciclabili, riducendo la percentuale di plastica, utilizzando materiali riciclati o sviluppando resine a base vegetale. Entro il 2030, inoltre, produrrà bottiglie costituite per il 50% da materiale riciclato.
  • IMPATTO -1 è la nuova filosofia che Ferrarelle ha deciso di portare avanti ponendosi in prima linea per tutelare il futuro. In provincia di Caserta, a Presenzano, è nato un nuovo stabilimento dedicato esclusivamente al riciclo.

  • Bauli ha deciso di recuperare 400 metri quadrati di telo pubblicitario e di trasformarli in oltre 1000 astucci in PVC da regalare ai propri dipendenti.


Hai già messo mi piace a TheGiornale?


Abbiamo visto insieme alcune iniziative adottate da famosi brand per salvaguardare il nostro pianeta ma anche le nostre azioni sono importanti! Tu cosa fai per salvaguardare il pianeta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *