Libro cartaceo o digitale? Vantaggi e svantaggi

E se un giorno si decidesse di non stampare più i libri? Se il digitale prendesse così tanto piede (anche) nel campo della lettura da soppiantare completamente il libro cartaceo?

Libro cartaceo vs eBook

Se penso a un mondo in cui il digitale ha avuto la meglio anche sui libri, la prima cosa che mi viene in mente è una casa con una libreria (che a quel punto non si chiamerebbe più così) spoglia, vestita solo di un piccolo lettore digitale. 

Per dare forma ai miei incubi, qualche anno fa, per alleggerire il carico che ogni giorno mi portavo dietro (bello il libro cartaceo, ma quanto pesa?) mi regalarono un eBook: leggero, pratico e addirittura retroilluminato. 

Ricordo di averlo guardato con un certo scetticismo e aver provato una leggera antipatia nei suoi confronti, sapevo già di preferire il libro cartaceo a quello digitale, ma gli detti comunque una possibilità. Durò molto poco: rinunciai a tutti i buoni propositi quando un pomeriggio, seduta sul divano con l’eBook tra le mani, mi inumidii le dita per girare pagina. Lo chiusi e lo abbandonai tra gli scaffali della mia libreria. È ancora lì che mi fissa, impolverato al punto giusto. (E comunque non aveva molto senso continuare a usarlo: compravo i libri digitali e poi li ricompravo cartacei perché desideravo averli a disposizione nella libreria. Spesa doppia e veramente poca gioia).

Quel giorno pensai, con un certo sollievo, che la tecnologia, che già allora poteva tutto (o quasi), mai sarebbe riuscita a sviluppare qualcosa di tanto bello quanto un libro cartaceo.

Qualche mese fa, però, mi sono dovuta ricredere: probabilmente in ritardo rispetto a molti, ho scoperto gli audiolibri


Usi Telegram? Unisciti a TheGiornale


Audiolibri che sorpresa!

Durante il lockdown mi sono ritrovata a passare moltissime ore da sola. Inizialmente, un po’ come tutti, mi sono messa all’opera nel sistemare casa: ho pulito gli angoli più remoti e dimenticati, ho sistemato il guardaroba, ho smontato e rimontato mobili, ho buttato cianfrusaglie etc… Vivendo in un bilocale, però, il “passatempo” è durato molto poco. Ho deciso, così, di dedicarmi alla lettura e al recupero di tutti quei libri che durante gli anni dell’università non ero riuscita a leggere. 

Per la prima volta in tutta la mia vita, però, fermarmi e prendere in mano un libro anziché tranquillizzarmi, mi agitava. Non riuscivo proprio a stare ferma. E così, unendo l’utile al dilettevole, ho dato una possibilità ad Audible ed è stato amore al primo ascolto. 


Leggi anche: i 5 migliori film sulla fine del mondo


Sempre convinta di preferire il libro cartaceo a qualunque forma digitale, decido di scaricare l’applicazione e dare un’altra possibilità alla tecnologia. Come è andata a finire? In un solo giorno, tra yoga, spadellamenti vari e qualche cassetto sfuggito alle mie manie folli, ho terminato Il giardino dei Finzi-Contini, per un totale di 6 ore di registrazione. Il mio ragazzo ha dovuto letteralmente sequestrarmi gli auricolari.

Il mio viaggio tra gli audiolibri è iniziato con un classico, ma non ho faticato a trovare titoli recentissimi come, ad esempio, Il Colobrì, pubblicato qualche mese prima. Ho ascoltato racconti di viaggio, podcast de La Stampa, inchieste giornalistiche, insomma Audible mette a disposizione una libreria (in perenne aggiornamento) in grado di soddisfare tutti i gusti.

E così, andando avanti e indietro nei secoli e spostandomi tra vari paesi, al termine del lockdown ho cominciato a riempire gli scaffali della mia libreria digitale: 9 libri “letti” e un corso di inglese terminato. 

La (quasi) rivincita del digitale: audiolibri sì

Quali sono quindi i vantaggi e gli svantaggi del libro cartaceo e quali quelli delle forme digitali?

  • eBook: tolti la leggerezza e il poco ingombro, non danno alcun valore aggiunto, bisogna comunque fermarsi e trovare il tempo per leggere e per tanto così preferisco sfogliare le pagine di un libro.
  • Audiolibro: manca il vero e proprio “atto della lettura” però si può “leggere” ovunque e in qualsiasi momento, basta mettere gli auricolari.
  • Libro cartaceo: ingombra e molto spesso è pesante, ma è un oggetto meraviglioso.

Un ultimo punto a favore di Audible riguarda il lato economico: pagando la stessa cifra tutti i mesi si hanno a disposizione tutti i libri desiderati e, di conseguenza, ci si può permettere di comprare anche quelli cartacei.


Hai già messo mi piace a TheGiornale?


Mi è toccato, quindi, mettere da parte lo scetticismo e darla (quasi) vinta alla tecnologia… rimango comunque dell’idea che una libreria colma di libri sia l’elemento di arredo più bello di una casa (e dell’anima).

Audio Libro de “Il Conte di Montecristo”

Un piccolo consiglio di “lettura”:

Il conte di Montecristo è un libro che mi ha sempre incuriosita ma non nego di essermi fatta spaventare, nel corso degli anni, dalla sua grossa mole. Il lockdown è stato il momento perfetto per perdermi tra le pagine di questo meraviglioso libro: più di 50 ore di registrazione alla scoperta di un’opera d’arte che lascia letteralmente senza fiato.

Commenta questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *