5 librerie indipendenti a Torino che devi assolutamente visitare

Torino è un luogo in cui si respirano arte e cultura ad ogni angolo, e quando si parla di cultura, non si può non citare le librerie indipendenti.

Fra le eleganti vie della città sabauda, impossibile non imbattersi in numerose librerie che, grazie ad una attenta selezione delle proposte editoriali e a numerosi eventi e presentazioni, sono diventate degli spazi di aggregazione e condivisione irrinunciabili all’interno del panorama cittadino.

Libreria Internazionale Luxemburg

Mi sono trasferita a Torino circa cinque anni fa. Ho scoperto la libreria Luxemburg quasi per caso, durante una delle prime passeggiate esplorative in centro. È stato amore a prima vista.

Impossibile non notarla: all’interno dell’elegantissima cornice di Piazza Carignano, si distingue immediatamente grazie alla facciata più scura rispetto a quelle in colori pastello e terracotta dei palazzi adiacenti. Gli interni fanno subito pensare a un viaggio nel tempo, probabilmente nel 1872, anno in cui questa libreria, la più antica della città, è stata fondata.

Al piano terra si possono trovare riviste provenienti da tutto il mondo, libri d’arte, di poesia, saggi e letteratura italiana. Il primo piano, raggiungibile salendo una scala in legno, è invece interamente dedicato ai testi in lingua straniera.


Hai già messo mi piace a TheGiornale?


La Luxemburg è un luogo magico, il sogno di ogni amante della carta stampata. L’aria che si respira al suo interno è internazionale, il personale sempre gentile, appassionato ed estremamente competente. L’unico rischio, varcando la porta di questa libreria, è quello di perdere la cognizione del tempo.

Una curiosità: nel 2015 Clarín, il più importante quotidiano argentino, ha nominato la Luxemburg una delle 10 librerie più belle al mondo!

Sito Web: Libreria Internazionale Luxemburg.

Libreria Comunardi

La Libreria Comunardi è parte integrante della storia recente di Torino. Fondata nel 1976, è stata sin da subito un centro di aggregazione e condivisione fondamentale per la città. Situata a due passi dal circolo dei lettori, da ormai 44 anni si distingue per la sua attenzione alle problematiche sociali. Al suo interno, un catalogo di oltre 40000 volumi dedicato soprattutto alla saggistica storica e politica, ma anche a cinema, arte, teatro, graphic novel e molto altro.

La libreria è aperta sette giorni su sette, ma dal martedì al sabato accoglie anche i suoi lettori più nottambuli con un orario prolungato fino alla mezzanotte.


Leggi anche: Incubi e Sogni che giocano a fare l’amore


Nel 2018 è stato istituito un crowdfounding per salvare questo spazio culturale da uno sfratto dovuto alla decisione della proprietà di vendere le mura all’ennesimo, anonimo supermercato. La raccolta fondi è ancora attiva per aiutare Paolo, il proprietario, a ricollocare la libreria all’interno del locale adiacente.

Sito web: Libreria Comunardi.

Libreria La Bussola

Un’altra tappa immancabile per gli amanti della lettura e per nostra lista di librerie indipendenti a Torino è sicuramente quella alla libreria La Bussola di Via Po. Uno spazio enorme, sei sale in cui perdersi alla ricerca di perle altrove introvabili e rarità. Si tratta infatti di una libreria dedicata ai libri usati, testi fuori catalogo e giacenze di magazzino, i cosiddetti “remainder”. Il tutto, a prezzo ridotto. Un vero e proprio luogo magico in cui perdere le ore alla ricerca di piccoli, grandi tesori letterari.


Leggi anche: Robert Capa a colori in mostra a Torino


I testi proposti sono di tutti i tipi, con ampio spazio dedicato anche alla letteratura per l’infanzia. Alla Bussola gli scaffali sono altissimi e i libri ricoprono ogni superficie e anfratto, producendo un’atmosfera d’altri tempi. Unica raccomandazione: ritagliatevi tutto il tempo necessario!

Sito web: La Bussola

OOLP – Libreria d’Arte

Se siete degli amanti di arte, fotografia, moda, architettura, giardinaggio, grafica, design e non soltanto, una tappa alla OOLP – Libreria d’Arte è d’obbligo. Nata in Via Principe Amedeo nel 1978, la OOLP – acronimo di Out Of London Press, un’altra libreria che in quegli anni sorgeva a New York – è un luogo unico in città.

Spostatasi in Via Maria Vittoria nel 2013, a due passi dal Camera (Centro Italiano per la Fotografia), questa libreria fa la differenza grazie alla sua offerta altamente specializzata e ricca di libri altrimenti quasi introvabili. I testi proposti sono circa 20000, alcuni italiani, molti di più, internazionali.

Sito web: Libreria OOLP

Libreria Bodoni / Spazio B

La Libreria Bodoni, situata nell’elegante contesto pedonale di Via Carlo Alberto, è sicuramente una delle librerie indipendenti più raffinate e apprezzate di Torino.


Usi Telegram? Unisciti a TheGiornale


Gli spazi ampi e luminosi, la selezione interessante e mai scontata, con particolare attenzione ai libri di fotografia e graphic design, la cura del dettaglio, a partire dalla vetrina, ne fanno un luogo in cui è impossibile non fare tappa durante una rilassante passeggiata in centro.

Sito web: Libreria Bodoni / Spazio B

Le librerie indipendenti a Torino non si fermano qua

Queste sono solo alcune delle splendide librerie indipendenti di Torino, che non va dimenticato, dal 1988 è anche la città del Salone Internazionale del Libro. Nel 2017, con l’intento di unire le forze e dare spazio anche agli editori minori durante il Salone, è nato anche COLTI – Consorzio Librerie Torinesi Indipendenti, che raggruppa 25 librerie cittadine.

Tuttavia, il numero è ancora più elevato; stando a quanto riportato sul sito Librerie Indipendenti del Piemonte, sarebbero 70 soltanto nell’area metropolitana di Torino.

Ce n’è veramente per tutti i gusti. Impossibile non menzionare la libreria La Montagna, un piccolo paradiso per alpinisti e aspiranti tali, o i tanti spazi dedicati alla lettura per l’infanzia, da La Farfalla di Snipe, in cui i bambini si possono dedicare anche a laboratori e giochi, alle letture pubbliche della Libreria dei Ragazzi.

Le librerie indipendenti di Torino sono tante e tutte da scoprire, siete pronti ad esplorarle tutte?

Commenta questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Shares
Share This