Met Gala 2018: tra sacro e profano

Aureole, ori bizantini, veli e corone fra i capelli. Polveri preziose a far scintillare volti e sguardi. L’annuale Met Gala del Costume Institute ha mandato in scena una bellezza spettacolare. Tra sacro e profano.

 

Met Gala - thegiornale.it

 

 

Cos’è il Met Gala?

Lo chiamano “l’Oscar del fashion” e infatti il suo red carpet è una vera e propria celebrazione del meglio della moda internazionale. Come sempre l’evento si è svolto presso il Metropolitan Museum of Art, nell’Upper East Side di New York. Grandi maison, abiti da sogno e star, in due parole: Met Gala 2018.

Presieduto dall’editor-in-chief di Vogue, Anna Wintour, il Met Gala è divenuta l’annuale celebrazione della moda con la presenza delle maggiori star del mondo e con habitué del calibro di Beyoncé, Jay Z, Kim Kardashian e Kanye West.

L’evento, però non è solo una festa, è anche finalizzato alla raccolta fondi per il Metropolitan Museum of Art’s Costume Institute, nonché l’opening ufficiale dell’annuale mostra dedicata alla moda.  Il tema del Met Gala 2018?   Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination, dedicato alla relazione tra moda e fede. In mostra ci saranno una serie di paramenti sacri, compresa una serie di abiti e di accessori provenienti dalla cappella Sistina. Sul red carpet non mancheranno ovviamente gli outfit firmati da Versace e da Riccardo Tisci, che hanno sempre guardato alla religione cattolica come fonte di ispirazione per le loro opere.

 

Met Gala - thegiornale.it

 


Hai già messo mi piace a TheGiornale?


Il dress code

 Bello, bellissimo. Esagerato, esageratissimo. Eccellente e anche di più: ogni anno il Met Gala mette in scena la couture più raffinata e impattante tra creazioni avant-garde e classici dell’eleganza. Una festa per gli occhi, davvero.

Rihanna

Quando si dice fare sul serio. Rihanna non ha certo scherzato con il tema di quest’anno del Met Gala. Co-host della serata insieme ad Anna Wintour, Donatella Versace e Amal Clooney, non ha deluso le aspettative dei suoi fan e dei presenti.

“Parliamo di religione cattolica? Allora non voglio essere da meno del Papa”, deve aver pensato con John Galliano e il team Margiela, i quali hanno realizzato l’outfit. La star ha fatto la sua apparizione sul red carpet in corsetto e mini dress, parzialmente nascosto da una gonna lunga, e accessoriata con un cappello da alto prelato (il tutto decorato con pietre, perle e ricami). Completavano il look una cavigliera di perle e una collana con crocifisso.

Il copricapo è ispirato alle tiare papali, in uso dall’età medievale fino agli anni ’60. La popstar di Barbados è la regina indiscussa del Met.

 

Met gala - thegiornale.it

 

Sarah Jessica Parker

Da sempre una delle “osservate speciali”, anche quest’anno ha portato sul red carpet un outfit memorabile. L’abito Dolce & Gabbana Alta Moda, dorato e ricoperto di pietre, decorato con cuori rossi, era sormontato da un vero presepe napoletano, con tanto di ex voto a cuore. Di sicuro il copricapo di quest’anno, frutto di mesi di ricerche in collaborazione con i due designer, che da sempre amano fare riferimento a temi e simboli religiosi nel loro lavoro, resterà nelle cronache come uno dei più incredibili mai visti su un tappeto rosso .

 

Met Gala - thegiornale.it

 

 Blake Lively

Blake Lively si è presentata con un abito di Versace che ha richiesto un lavoro di confezione lungo ben 600 ore. Il vestito è stato uno dei più fotografati grazie al suo incredibile effetto teatrale, sartoriale espressione del periodo barocco italiano. Dirompente sul red carpet, era impossibile non notare i tantissimi metri di tessuto rosso cremisi, adornati con rubini e rifiniti con intricate bordature d’oro.

 


 

Vuoi essere alla moda? Look androgino: vademecum per renderlo perfetto


 

Il corpetto richiama le colonne opulente del Seicento, mentre la gonna è doppia: una longuette aderente con pannelli trasparenti di tulle ton sur ton, sovrastata da un maxi strascico.

A completare il look, i gioielli a catena portati al polso, anelli preziosi, orecchini di smeraldi e una corona aureola a raggiera, fatta di sottili lastre d’oro e cristalli, che ha chiuso il piccolo chignon.

 

Met Gala - thegiornale.it

 

Kim Kardashian

Ricordate gli abiti must anni ’90 sfoggiati dalle supermodelle Claudia Schiffer, Naomi Campbell, Cindy Crawford, Carla Bruni e Helena Christensen alla sfilata Primavera Estate 2018 di Versace che ha celebrato il grande stilista Gianni? Per il Met Gala 2018 Kim Kardashian ha indossato un abito molto simile, a partire dalle paillettes gold che hanno ricopertol’intera creazione.

Il long dress, però, è stato realizzato ad hoc per l’occasione da Donatella Versace. E, infatti, riprende il tema dell’evento: la religione. La stilista ha applicato due croci luminosissime sul vestito, una all’altezza del bustier e l’altra sulla gonna. Kim era raggiante e super sexy.

 

Met Gala - thegiornale.it

 

Madonna, e chi se non lei?

Considerando il tema della mostra di quest’anno, Heavenly Bodies: Fashion and the Catholic Imagination, Madonna era davvero l’artista più papabile.

La cantante che insieme a tutti gli altri invitati aveva calcato il red carpet indossando un drammatico outfit total black firmato Jean Paul Gaultier, dopo la cena di gala ha fatto un drastico cambio look per comparire sulla scalinata della Great Hall del Metropolitan Museum of Art in uno show davvero trascendentale.

Madonna è apparsa accompagnata da un potente rintocco di campane, lasciando tutti gli ospiti del Met Gala 2018 letteralmente strabiliati. La star è arrivata incappucciata con un lungo saio, per poi rivelare un outfit immacolato ma altrettanto sexy, con uno dei suoi inseparabili bustier.

 

 

E ancora…

Senza lasciare nessuno in disparte è doveroso citare alcune delle star che hanno indossato il tema della serata in maniera più soft, ma pur sempre elegante e splendente.

Oro fa rima con supermodel. Da Emily Ratajkowski , tuffata in una vasca d’oro liquido, per un look monocromatico effetto 18 carati per viso, zigomi, labbra e occhi a Gisele Bundchen. Less is more su Anne Hathaway, che ruba il copricapo alla Statua della Libertà, eterea e perfetta con un  makeup dai riflessi dorati.

Look teatrale a sfondo angelico quello indossato da Lana del Rey : la cantante ha portato in scena un abito lungo color avorio, rifinito con dei ricami d’oro con al centro un cuore trafitto da più spadini, mentre in testa spicca un’aureola di perle e piume. Insieme a Jared Leto e Alessandro Michele, di Gucci, possiamo osare un parallelismo modaiolo con l’Holy Trinity.

Gigi brillante

Gigi Hadid in versione “vetrata di una chiesa” ha mostrato feritoie, angeli e lusso nel suo elegante outfit Versace.  L’abito firmato Versace è stato progettato con una serie di segmenti scintillanti tutti perfettamente integrati in un design accattivante. Rimuovendo una manica e aggiungendo un vertiginoso spacco, il capo glamour ha integrato anche un twist asimmetrico. Inoltre scegliendo un look semplice ed elegante, accessoriato con delicati orecchini a goccia e capelli sciolti sulle spalle, Gigi ha mantenuto tutta l’attenzione sul vestito, non peccando mai di eleganza.

 

Met Gala - thegiornale.it

Jennifer Lopez innamorata

Insieme alla top model, anche Jlo ha sfoggiato il suo charme in tutta lucentezza. Una delle più sexy della serata Jennifer Lopez,  ha calcato il red carpet al fianco del fidanzato Alex Rodriguez con un look coordinato al suo. La popstar ha puntato tutto su un abito firmato Balmain, caratterizzato da una gonna lunga con uno spacco profondissimo sulla gamba, un lungo strascico di piume e un corpetto ricoperti di cristalli colorati che andavano a creare una grossa croce. Per completare il tutto, ha scelto degli orecchini di diamanti firmati Tiffany&Co., dei sandali neri con tacco e plateau sempre di Balmain.

 

Met Gala - thegiornale.it

 

L’unica cosa che ci resta da fare, a parte sospirare sulle fantastiche opere d’arte di stilisti d’alta moda, è quella di aspettare il prossimo anno, così saremo pronti al nuovo, strabiliante ed esagerato tema del Met Gala.

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Margherita Tolosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *