Latte e derivati nell’ABC del celiaco

Siamo tornati con la nostra rubrica senza glutine, oggi vi parlerò di latte e derivati nell’ABC del celiaco.

Spesso si dice o ci si sente dire: “Il glutine nel latte? Nei formaggi? Ma va non scherzare.”

Bene oggi vi farò comprendere proprio questo. Il nostro nemico glutine potrebbe trovarsi anche lì.

acb celiachia - thegiornale.it

Il latte alimento idonei ma non sempre

Il latte come sappiamo bene è l’alimento più consumato da sempre, non per altro è il primo alimento assunto dai bambini. Nutriente e con numerose proprietà benefiche è ricco di calcio e vitamine D- B – A; è l’alimento che viene maggiormente consigliato per lo sviluppo delle ossa e dei denti.

 


Hai già messo mi piace a TheGiornale.it?


 

Per i celiaci è assolutamente idoneo se confezionato così come tale: dal latte fresco vaccino, quello a lunga conservazione o ad alta digeribilità può essere assunto l’importante è valutare che non sia addizionato ad aromi o altre sostanze (fibre, cacao, aromi o altre sostanze), il latte condensato, il latte crescita 1-3 anni, bevande a base di latte, soia, riso, mandorle in quel caso diventerebbero un prodotto a rischio,  e se così fosse vi sono le tre regole fondamentali:

1. avere la scritta senza glutine

2. la spiga sbarrata

3. essere presente nella “bibbia del celiaco” – il prontuario

 

Latte e derivati: formaggio, yogurt, panna quali idonei e quali a rischio

latte e derivati nell'abc del celiacoI formaggi sono un’altro alimento buonissimo e ricco di proprietà ma per un celiaco si possono trovare delle insidie.

Quando acquistiamo dei formaggi freschi o stagionati, il parmigiano regiano DOP o il Grana padano Doc sono idonei, anche se acquistati grattuggiati o in un banco gastronomia.

Quello che vi consiglio quando andate nei supermercati per acquistare il formaggio e chiedere gentilmente che vi venga tagliato con un’altro coltello, per questione di sicurezza dato che spesso vi sono formaggi alla Birra e quindi non idonei.

Per quanto riguarda i formaggi fusi, a fette, i formaggini, light, spalmabili come ad esempio il philadelphia, le sottilette per il toast, il tofu per le insalate, i formaggi spalmabili al tartufo, al salmone ecc… dovete prestare attenzione sono prodotti a rischio perché non puri e addizionati ad altro, anche il questo caso vale la regola della “bibbia del celiaco”.

Lo yogurt è un alimento amato da grandi e piccini, spesso dato anche come spuntino per qualche dieta in quanto sostanzioso e salutare. E’ un alimento idoneo se si tratta di yogurt naturale, sia che sia magro che intero che delattosato, quindi idoneo per chi è intollerante al lattosio.

Lo yogurt bianco ( yogurt, zucchero e fermenti lattici) o greco ( latte, crema di latte e fermenti lattici) senza aggiunta di aromi o altre sostante, nella propria etichetta compaiono esclusivamente i seguenti ingredienti sono prodotti idonei.  Lo yogurt come altri prodotti simili inizia ad essere a rischio quando agli ingredienti base si aggiungono gusti (frutta, aromi, gusti vari tipo pistacchio, nocciola, caffè ecc…), yogurt alla soia, riso.

La panna è un’altro alimento usato in cucina, viene utilizzata per varie preparazioni culinarie, da quelle dolci a quelle salate; la panna fresca (pastorizzata) e a lunga conservazione (UHT) anche se delattosata, non miscelata con altri ingredienti, a esclusione di carragenina (E 407) è un prodotto idonee.

Quindi quando andate al supermercato e comprate la classica panna liquida da cucina o quella a lunga conservazione (UHT) andate sul sicuro. La panna inizia ad essere un prodotto a rischio quando viene condita nello stabilimento ( panna ai funghi, salmone, ecc..), quella spray o quella vegetale deve far parte delle “bibbia dei celiaci” per poter essere mangiata.

Altri alimenti rischiosi per noi celiachini sono i fiocchi di latte con aggiunta di addensanti, aromi o altre sostanze; le creme, budini, dessert, panna cotta e gli omogenizzati di formaggio, per questi ultimi alimenti dovete prestare attenzioni e verificare in base alle tre regole fondamentali.

ABC del celiaco: latte e derivati quali sono vietati?

Abbiamo visto come latte e derivati nascondino delle insidie per noi “sglutinati” ma vi sono alcuni che sono assolutamente da escludere nella propria alimentazione.

Sono naturalmente vietati le confezioni di latte ai cereali, biscotti o a base di avena, farro.

Piatti pronti a base di formaggio impanati con farine vietate. per quel che riguarda lo Yogurt  è assolutamente vietato quello al malto, ai cereali, ai biscotti.

Spero che vi sia tutto chiaro e che questo promemoria ABC del celiaco possa in qualche modo avvantaggiarvi nel fare un ottima spesa “GLUTEN FREE”.

 


Da quando siete celiaci avete rinunciato alla cucina giapponese? Japs: il sushi raffinato anche gluten free


 

Il prontuario è consultabile sia sull’app Aic che sul sito ufficiale.

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Stefania Masi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *