Halloween passa, le ricette restano

Halloween è quella ricorrenza che anno dopo anno bussa alle nostre porte per farci tornare un pò bambini. Ogni ottobre, già dai primi giorni del mese, si assiste ad un susseguirsi giornaliero di spunti che preparano psicologicamente ognuno di noi al “giorno X”. L’Internet ad esempio, a questo proposito diventa un vero e proprio calderone che ribolle di idee. 

E non stiamo parlando solo di travestimenti e maschere; quello a cui ci riferiamo oggi è la cucina.

Sì perché ad Halloween anche il menu necessita di un “refresh“.

ricette di Halloween - TheGiornale.it

 

Immaginiamo una festa in perfetto stile horror: l’ingresso invaso di ragnatele da scostare per farsi largo nella sala; una leggera nebbia di borotalco che si alza dal pavimento e che, insieme alla lugubre musica di sottofondo, aumenta l’adrenalina dei presenti. I muri sono tappezzati di addobbi e festoni in tema con la serata e davanti a noi, laterale alla pista da ballo, il rinfresco. Ma la questione fondamentale è capire cosa si mangia la sera delle streghe.

Quali possono essere le più semplici ricette di Halloween da poter ricreare a casa?

Basta digitare su Googlericette di Halloween” per essere investiti da una quantità inverosimile di suggerimenti. La creatività è al primo posto, ancor più importante della classica attitudine alla cucina. Quando si parla di menu di Halloween bisogna entrare nell’ottica che non è per nulla necessario improvvisarsi chef; basta saper creare un collegamento tra gli ingredienti e i protagonisti identificativi della notte più spaventosa dell’anno. Zombie, mummie, teschi, ragni, zucche e fantasmi…grazie all’inventiva sarà una passeggiata portarli in tavola.

Mummificare gli ingredienti

La parola d’ordine in questo caso è solo una: pasta sfoglia. Qualunque ingrediente può essere avviluppato da striscioline di sfoglia, spennellato d’olio o uovo sbattuto, infilato in forno per poco più di un quarto d’ora in modo da sfornare mummie su misura. Würstel, carote, zucchine o biscotti; dolce o salate le mummie tra i piatti del rinfresco non potranno mancare.

Testa d’affettato

Non pensiamo però soltanto ai più piccoli. Per i veri amanti del macabro sarà possibile ricreare teschi e scheletri usando semplici affettati. Quello che serve è una “forma di base”; va bene anche una pagnotta. Di primo impatto può non ricordare una testa umana ma con qualche finta dentiera sul davanti e ricoperta di fette di lardo, bacon o prosciutto con due olive al posto degli occhi, fidatevi, vi farà rabbrividire.

Ricette di Halloween: 100% Zucca

Lo sanno tutti, la zucca per antonomasia è tra i più famosi simboli di questa festa. Si può svuotare ed utilizzare come decorazione, come illuminazione se all’interno si inserisce una candela…ma anche come protagonista del banchetto di Halloween. Tanti sono gli esempi che vanno dalla piccola pasticceria alla portata principale. Il minimo sforzo con la massima resa può davvero essere la torta salata. Servono una base di pasta sfoglia, una farcia dolce o salata a piacere ed un “coperchio” sempre di sfoglia che si può intagliare in modo tale che in forno prenda le sembianze della classica zucca di Halloween.

ricette di Halloween - TheGiornale.it

Gli esempi di questo genere di cucina sono davvero tanti e diversi tra loro. In realtà qualunque ricetta di Halloween può essere migliorata d’aspetto con qualche spettrale abbellimento esterno.

Una grigliata di carne, se accompagnata da un teschio di plastica, può ricordare un cadavere in men che non si dica; delle olive nere, composte su pizzette con precisione, possono diventare ragni in procinto di tessere la propria tela.

In cucina l’importante è usare la fantasia e queste ricette di Halloween sono un ottimo compromesso tra spesa e resa che farà divertire sia grandi che piccini.

La categoria “Filosofia di cucina” si occupa spesso di ricette dell’ultimo minuto, con un occhio sempre rivolto a nuove idee da proporre.

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Federica Testa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *