Come fare per smettere di farsi le seghe mentali

Spesso rimaniamo bloccati nella nostra bolla di cristallo a pensare a come sarebbe potuta andare quella certa cosa se avessimo agito o parlato diversamente. Spendiamo tantissimo tempo a riflettere sulle scelte potenzialmente errate del passato, sulle cose che non abbiamo e sulle cose potremmo avere o fare in futuro che ci perdiamo il momento più importante, il presente. Come chiamo io tutto questo? Farsi le seghe mentali!

Nel titolo ho usato anch’io seghe mentali, forse non è l’espressione più delicata da usare in un articolo, ma peso che renda bene l’idea. Le maledettissime seghe mentali, quelle che non ci fanno dormire la notte, che ci riempiono la testa, che non ci fanno vivere tranquilli.

 

Risultati immagini per seghe mentali

 

Perché ti fai tutte ste seghe mentali?

Ora, vediamo quali sono le più comuni e cerchiamo di capire perché dobbiamo assolutamente sbarazzarcene.

 

  1. Ripensare al passato

Una delle cose che facciamo più spesso è rimuginare sul passato. Perché non ho comprato quel vestito? Perché non gli ho detto cosa provavo? Perché ho preso quella strada invece dell’altra?

Tutto il tempo che dedichiamo a riflettere sulle potenzialità delle scelte passate è tempo che togliamo a noi stessi. Tempo che avremmo potuto dedicare alle scelte già fatte, a impegnarci per la decisione presa, a renderci conto che si può sempre trarre qualcosa di positivo. Ripensare al passato (una delle seghe mentali peggiori in assoluto) non solo ti fa perdere tempo, ti costringe in uno stato di stallo, ma ti fa anche perdere fiducia in te stesso. Non rimanete ancorati al passato, ma rimanete concentrati sul presente.

 

  1. Riflettere sulle cose che non hai

Quante volte pensiamo a cosa ci manca?

Entrando in un negozio, camminando per strada, parlando con qualcuno ci accorgiamo che ci manca qualcosa. Talvolta qualcosa di cui non sapevamo l’esistenza, la maggior parte delle volta qualcosa che crediamo possa renderci felici.

Pensare alle cose che non abbiamo è una delle seghe mentali più distruttive: ci costringe a pensare alle nostre mancanze, facendo perdere valore alle cose che abbiamo già. Ci priva di essere felici e grati di quello che abbiamo ottenuto e conquistato.

E’ come un male che ci divora dall’interno, e proprio per questo dobbiamo combatterlo.

 

  1. Scervellarti sul futuro

Spesso perdiamo tempo ed energia pensando a cose legate al clima, alla politica, all’economia, perdendo di vista le uniche cose che davvero sono importanti: le decisioni che prendi e le azioni che compi. Molte volte però prima di raggiungere queste due cose ragioniamo sugli effetti che possono avere.

Chiaramente non sto dicendo che questo sia sbagliato, anzi è assolutamente legittimo avere un piano generale e capire che conseguenze possano avere le nostre azioni/decisioni. Il fatto è che il riflettere troppo a lungo sul futuro può farci perdere un’opportunità.

Vi dico questo perché io in primis sono animata dal cosiddetto carpe diem e quindi vagliare tutti gli effetti che le mie azioni hanno sul futuro non è la mia priorità. In ogni caso è bene trovare un equilibrio.

 

Spero di avervi dato modo di capire quanto si possa essere liberi dalle malefiche seghe mentali: non solo per le nostre fragili menti, ma soprattutto per riuscire a vivere meglio.

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Carola Vaccaro

Laureanda in Comunicazione e Culture dei media. Appassionata di web marketing, strategie di comunicazione e fotografia. Adoro le parentesi, gli avverbi e le citazioni. Instagram: christmas_carol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *