16 Luglio 2024 22:17
LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it

Cuori d’artificio 

Ieri sera a Torino si è festeggiato San Giovanni, il patrono del capoluogo piemontese.

Come da tradizione il fiume Po si colorato di magici riflessi, si è tenuto come consueto lo spettacolo pirotecnico che da anni ormai emoziona i cuori dei torinesi.

Certo, non è stato come al solito.

Piazza Vittorio Veneto, luogo dove di solito la gente si ritrova per ammirare questa danza di esplosioni era praticamente vuota.

Dispiace a pensarci, dispiace proprio tanto.

Insomma, chi non si è stampato almeno un duro limone con qualche ragazza grazie ai fuochi d’artificio del 24 giugno?

Io ricordo che noi da ragazzini non aspettavamo altro durante l’estate, perché era il momento perfetto, lo spettacolo di colori che accendeva i nostri cuori d’artificio e le nostre anime sudate.

S’è persa così la magia legata a questa festa, è andata perduta l’atmosfera e la voglia di essere felici.

Colpa di tutti quei controlli! 

Così si è commentato al bar quest’oggi, si quei controlli che se non ci sono è colpa di chi non li ha preposti e se invece ci sono finiscono per dare fastidio.

La verità è che io mi cacavo sotto solo a girarmi verso quei gli occhi, gli occhi della ragazza che mi teneva stretta la mano e speravo che arrivassero a baciarsi con le mie labbra.

Quella era l’unica esplosione che mi faceva paura.

La verità è che forse si è perso il senso.

E come dice Levante, Cuori d’artificio: e che paura se cade a terra e non è esploso prima.

Così resto con il cuore puntato tra le stelle, nella speranza che il prossimo anno ci sia uno spirito diverso, ci sia la voglia di sudare il cuore sotto quella magia di colori.

LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it - Cuori d'artificio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *