24 Luglio 2024 14:12
LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it

Londra Brucia

“Hi… è tanto che cammini e non senti male ai piedi. Ti seguo già da un po’.
guardi, con due occhi neri e stanchi e non mi vedi e passi avanti, io ti seguo ancora per un po’… ”

Così comincia la canzone dei Negramaro, Londra brucia.

Ed è incredibile quanto questa canzone sia azzeccata, quanto sia perfetta per parlare di loro. G e M, non voglio scrivere i loro nomi per intero, perché troppe volte in questi giorni li abbiamo sentiti.

Sessanta giorni di vita insieme, lì, in quel palazzo.

Un sogno che si stava costruendo, in due, al meglio, perché è insieme che le cose vengono meglio.

Ecco, ora ci dicono che con appena 6.000€ si poteva evitare tutto questo, si poteva costruire meglio anche quel grattacielo che poi si è trasformato in una nube di fumo.

E le sfaccettature che offre questa tragedia sono tante, si riferiscono a sogni da rincorre, perché G e M erano lì per realizzare un’altra parte del loro amore, quello per l’architettura, il lavoro che sognavano da una vita.

Così qualcuno si è permesso di dire che non sarebbe capitato se in Italia ci fosse stato lavoro per questi ragazzi, se i giovani d’oggi non fossero obbligati a scappare via da qui.

Da queste fiamme che ci fanno soffocare, da quelle fiamme che li hanno fatti morire.

“E intanto Londra brucia intorno a noi…”

Noi, che per l’ennesima volta possiamo solo restare solo a guardare.

Voi, che resterete una fiamma dentro noi.

LA BUONA NOTTE di Rab - TheGiornale.it - Londra Brucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *