23 Luglio 2024 19:05

Potrei farlo domani. In fondo domani avrei più tempo, sarei più concentrato e focalizzato. Perché farlo oggi? Potrei dedicarmi a questo, quello, quell’altro ancora. Cosa cambierebbe? Giorno più, giorno meno. Dai, domani giuro che mi metto e lo faccio! Sono convinta che a tutti noi è capitato almeno una volta di fare questa conversazione. E siamo anche stati bravi. Non ci è voluto molto per convincerci che rimandare sarebbe stata la cosa migliore.

Problema risolto signori e signore: lo faccio domani!

“Ahi.”

Dico Ahi perché lo sappiamo benissimo come ci si sente dopo aver preso questa decisione. Il sollievo lascia presto il posto ai sensi di colpa, allo stress e alla frustrazione. Ci ritroviamo con l’acqua alla gola. Incastrati tra perché non l’ho fatto ieri e l ‘oddio la data di scadenza si avvicina.

rimandare a domani

Dunque, meglio correre ai ripari. Ecco a voi alcuni semplici consigli su cui riflettere per evitare di rimandare a domani.

  1. AGISCI

Quanto tempo sprechiamo a programmare, organizzare, pensare e riflettere? Passano ore, giorni, addirittura settimane. Certo, pianificare è sicuramente utile, ma se si continua a programmare senza mai iniziare, si sta solo perdendo tempo. E, si sa, il tempo è la cosa più preziosa che abbiamo.

Quindi, basta perdere tempo: agisci.

 

 

  1. NON FARE DI UN SASSOLINO UNA MONTAGNA

Pensare ad un impegno, a un problema, o a qualsiasi altra cosa invece di affrontarla non fa altro che ingigantirla. Ogni giorno che sprechiamo a pensare l’impegno cresce, diventando sempre più complicato. Quasi impossibile da affrontare.

Smettiamo di arrovellarci il cervello, vedere le possibili soluzioni e conseguenze, i pro e i contro. La maggior parte delle volte abbiamo semplicemente paura di come possano andare le cose.

Smetti di pensare e inizia a fare.

 

  1. UN PASSO ALLA VOLTA

Molto spesso il rimandare è dovuto alla mole di lavoro che ci troviamo di fronte. Troppe pagine da studiare, troppe cose da ricordare, troppi capitoli da leggere, e via dicendo. A questo punto la cosa migliore da fare è andare per gradi, fare, appunto, un passo alla volta. Una volta superato il blocco iniziale sarà tutto più facile.

non rimandare a domani

 

 

  1. PRIMA LE COSE DIFFICILI

Si ha sempre la tendenza ad iniziare dalle cose che ci sembrano più facili. Ma dovete sapere che iniziare da quelle più difficili non solo è un’ottima tecnica di gestione del tempo, ma ci aiuta anche a combattere la procrastinazione. Affrontare subito le attività più difficili ti farà sentire orgoglioso e soddisfatto.

 

 

  1. PRENDI UNA DECISIONE

Come detto in precedenza il più delle volte il rimandare nasce da un conflitto. Il conflitto tra ciò che pensi e ciò che non fai. A questo si aggiunge la paura: di sbagliare, di non farcela, di essere sconfitti, di dover ricominciare tutto daccapo. Pensare positivo può aiutare, pensare a tutte le volte che siamo stati testardi e ce l’abbiamo fatta può fare la differenza. Ogni volta che agisci e prendi una decisione non fai che aumentare la fiducia in te stesso.

 

Bene. Se siete convinti iniziate subito a fare. Oggi, non domani!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *