I grandi film in tre righe: il Morandazzo

Avete mai pensato di leggere le trame dei grandi film in tre righe divertendovi anche? “Il Morandazzo” allora fa proprio al caso vostro.

Dal 1998 gli appassionati di cinema possono leggere le trame dei film più famosi grazie al dizionario enciclopedico di cinema, pubblicato da Zanichelli, “Il Morandini: dizionario dei film”, curato da Morando Morandini. Ma forse non sapete che dal 2016 è possibile acquistare “Il Morandazzo: i grandi film in tre righe” di Massimo Pica.

I libri devono anche far ridere!

 

 

I grandi film in tre righe: il Morandazzo
Massimo Pica durante una presentazione de “Il Morandazzo”

 

“Il Morandazzo” è un libro ironico e divertente che riassume in modo coinciso e senza filtri le trame dei più grandi film nostrani e internazionali. Da “La storia infinita” a “Serpico”, da “50 sfumature di grigio” a “Prova a Prendermi”. Non ne risparmia uno.

Pica ha vinto l’edizione zero di Incipit Offresi, talent per gli aspiranti scrittori. Il vincitore ha la possibilità di conoscere degli editori interessati a pubblicare la propria opera letteraria. Così è successo a Massimo Pica e al suo Morandazzo. Tanto da avere già un seguito “Il Morandazzo 2”.

Il libro è stato presentato anche ad “Eccezionale Veramente”, il nuovo talent per gli aspiranti comici. Qui trovate il link della puntata.

Acquistando il Morandazzo, inoltre, si partecipa ad una causa benefica. Tutto il ricavato verrà destinato a: “Estingui il mutuo di Massimo Pica”.

Insomma un libro dalla risata assicurata!

Voto: 9. Geniale e divertente.

Ecco alcune delle trame che troverete ne “Il Morandazzo: i grandi film in tre righe”:

“Film: Prova a prendermi.

L’eterna lotta tra Di Caprio e l’Oscar”.

“Film: La Storia Infinita.

È una balla dura 90 minuti!”

“Film: Otto Donne e un mistero

Otto donne celando un tremendo segreto. Un film che dura 10 secondi”.

“Film: Serpico.

L’unico poliziotto non corrotto in tutta New York è italiano. Pensa come stanno messi”.

 

Commenta questo post

Autore dell'articolo: Alessandra Grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *